Sofocle Aiace

Prendendo le mosse dal mito e dal materiale epico, Sofocle crea nell'Aiace il primo dei suoi eroi solitari, imponenti e inflessibili, che rimangono fedeli fino alla fine alle proprie idee e alla propria concezione della vita: in questo caso ai principi della "cultura di vergogna", al senso dell'onore, alla morale pubblica e competitiva della civiltà arcaica. Quando, dopo la crisi di follia, l'eroe torna in sé, comprende che non c'è più spazio per lui fra gli uomini, neppure fra i pochi che lo amano. La scelta dell'autoemarginazione e del suicidio è l'unica possibile per l'ultimo degli eroi "puri". La sua lontananza da tutto e da tutti è incolmabile, la frattura fra Aiace e il mondo è ormai insanabile: egli non cede ai compromessi, non ammette conciliazione con il nemico. Gli altri personaggi, più moderni, più attuali, sanno piegarsi di fronte agli eventi o mediare con l'avversario (gli Atridi che rappresentano la tracotanza un po' ottusa della democrazia radicale; Odisseo, il politico pronto alla flessibilità, al compromesso): per Aiace non c'è più posto in una società di questo tipo; diversità, rigidità di principi, isolamento sono le categorie che caratterizzano l'eroe, un uomo d'altri tempi. E anche quando il percorso terreno dell'eroe è compiuto, nel dibattito relativo alla sua sepoltura, Aiace rimane, pur in "absentia", il protagonista assoluto del dramma.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Pio Mario Fumagalli

Sofocle Antigone

Sofocle Antigone di

Il tema di una sepoltura contestata, che nell’”Aiace” trovava spazio solo nella seconda parte della tragedia, diventa l’elemento scatenante dell’azione scenica dell’”Antigone”. La protagonista ha visto i fratelli uccidersi reciprocamente, il primo all’assalto di Tebe, il secondo a difesa della città, su cui regnava. Ora il sovrano della città è diventato Creonte, che ha ordinato che il corpo...