La bella età - San Michele: Pratiche, scritture, saperi attraverso le generazioni

Ogni persona, ogni comunità ha una propria storia fatta di esperienze e percorsi significativi per sé ma anche per la realtà in cui vivono perché non rappresentano solo un patrimonio individuale ma una ricchezza collettiva.

Attraverso il laboratorio di scrittura si sono ricostruite le storie individuali e collettive dei partecipanti al progetto realizzato nei due Centri Sociali Anziani di Ostiense e San Michele dall’Associazione Crasform nell’ambito del Progetto “La Bella età: Pratiche, scritture saperi, attraverso le generazioni”, patrocinato dal Municipio Roma VIII e finanziato dal Dipartimento per le Politiche della Famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri nell’ambito dei Premio “Anno Europeo dell’invecchiamento attivo e della solidarietà tra le generazioni 2012”.
Il testo realizzato dal Centro Sociale Anziani del San Michele a Tor Marancia ripercorre, a fianco delle memorie più personali le forti trasformazioni che hanno coinvolto il Quartiere a partire dal secondo dopoguerra, in un percorso che partendo dai primi insediamenti anteguerra ne ricorda via via la nascita e il difficile sviluppo.
É un testo, di scrittura collettiva, che ha visto in qualità di autori circa 15 anziani ed anziane ripercorrere la loro vita, il loro quartiere, fissando nella memoria, anche per le nuove generazioni, le trasformazioni, gli accadimenti ed i sentimenti quale patrimonio da conservare e condividere.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Autori vari

Del giorno e della notte

Del giorno e della notte di

In un universo variegato di paradisi e inferni, grandi e piccoli cavalcano apparenti realtà. Il lettore si troverà di fronte a narrazioni che fotografano e inventano giorni e notti, a volte tremendi, a volte meravigliosi. Questa antologia è uno schiaffo al perbenismo e al solipsismo imperanti. È un insieme di note che diventano una melodia suonata da un violino dimenticato nei boschi. Un esplos...

Che fastidio!

Che fastidio! di

I fastidi sono dappertutto, più insidiosi che mai. Come fare a sopravvivere? Una possibile soluzione è l’ironia: raccontare ciò che ci infastidisce e riderci sopra.Questo libro raccoglie i fastidi che le lettrici e i lettori di Federica Bernardo, autrice di Momenti di insopprimibile fastidio, hanno voluto condividere sul sito www.feltrinellieditore.it/che-fastidio.

La bella età - Ostiense: Pratiche, scritture, saperi attraverso le generazioni

La bella età - Ostiense: Pratiche, scritture, saperi attraverso le generazioni di

Ogni persona, ogni comunità ha una propria storia fatta di esperienze e percorsi significativi per sé ma anche per la realtà in cui vivono perché non rappresentano solo un patrimonio individuale ma una ricchezza collettiva. Attraverso il laboratorio di scrittura si sono ricostruite le storie individuali e collettive dei partecipanti al progetto realizzato nei due Centri Sociali Anziani di Osti...

Macchina per scrivere: Note e discorsi eruditi su Elia Spallanzani

Macchina per scrivere: Note e discorsi eruditi su Elia Spallanzani di

Dopo i Romanzi & Racconti e gli Scritti postumi & dispersi, nel terzo volume pubblichiamo gli atti della Prima Conferenza Internazionale in onore di Elia Spallanzani. Intendiamo così offrire un panorama della nuova critica, che sulle orme dei primi, coraggiosi esegeti (Massimo Fasulo, Filippo Grassi, i fratelli Bernardi) ha approfondito lo studio di questo autore non sempre abbastanza conosciut...

Schegge per un Natale Horror 2014 (Schegge di Natale)

Schegge per un Natale Horror 2014 (Schegge di Natale) di

A Natale siamo tutti più buoni! Sbagliato, possiamo essere anche molto (ma molto) cattivi. Basta leggere le schegge postate da lettori e amici (tanti, anzi tantissimi!) del portale LetteraturaHorror.it sulla pagina Facebook ufficiale (www.Facebook.com/LetteraturaHorror) per capire che ogni anno si parte da un assunto sbagliato quando si parla di questa festa. Chi ha detto che la festività più p...

Attorno al fuoco da campo

Attorno al fuoco da campo di

“Dovete sapere che un tempo non era troppo facile, per uno che volesse sposarsi, ottenere la mano di una ragazza. A volte era una bella impresa davvero, per un giovanotto, e gli toccava passarne di tutti i colori. Facciamo conto che io sia un giovanotto e abbia visto una ragazza, e la ragazza mi piaccia tanto che mi basti pensare a lei per sentirmi male. E mica posso andare a dirglielo, e poi, ...