Il giornalista

Miriam Mafai ripercorre alcune tappe fondamentali della sua carriera di giornalista. Miriam Mafai nasce a Firenze il 2 febbraio 1926 da una coppia di noti artisti italiani, il pittore cattolico Mario Mafai e la scultrice Antonietta Raphael di origine ebraica. Educata sin dagli anni 30’ all’antifascismo, cresce assieme alle sorelle Simona e Giulia e con l’introduzione delle leggi razziali, nel 1938, sarà costretta a lasciare il ginnasio. Dal 1943 partecipa al movimento della Resistenza antifascista a Roma, distribuendo volantini contro l’invasione tedesca e lavorando presso l’ufficio stampa del Ministero dell’Italia occupata diretto da Mauro Scoccimarro. Nel dopoguerra si iscrive al PCI e nei primi anni 50’ diviene assessore al comune di Pescara. Sono questi, anni di dure lotte e limpide contraddizioni, l’Italia è un Paese martoriato dalla guerra e nell’ambiente politico vi è gran fermento. La Mafai intraprende la carriera di giornalista e nel 1957 viene nominata corrispondente da Parigi per “Vie Nuove”, seguiranno un incarico all’Unità e la direzione del settimanale “Noi Donne”. Contribuisce alla nascita de “La Repubblica” e ne diviene una delle colonne portanti svolgendo attività di editorialista, inviato e cronista politico. Durante tutta la sua carriera si occupa di temi scomodi come aborto, divorzio, laicità dello Stato, condizione femminile e diritti dei lavoratori. Muore nella sua amata Roma il 9 aprile 2012.
Partigiana, giornalista, scrittrice, femminista, Miriam Mafai è stata soprattutto una donna che ha vissuto da protagonista i grandi eventi e le battaglie di un secolo intenso e tormentato. In questo breve saggio, scritto trent’anni fa ed edito per la prima volta nel 1986 da Laterza, la Mafai ripercorre alcune tappe fondamentali della sua carriera di giornalista professionista. Non mancano i riferimenti storici e politici, le riflessioni (valide allora come oggi) sul mestiere e sul ruolo del giornalista e le considerazioni sulla figura della donna nelle redazioni popolate quasi esclusivamente da uomini. Una rapida panoramica sulla storia politica e non del nostro Paese, scritta da una delle firme più prestigiose del giornalismo italiano.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Miriam Mafai

Il lungo freddo: Storia di Bruno Pontecorvo, lo scienziato che scelse l'Urss (BUR SAGGI)

Il lungo freddo: Storia di Bruno Pontecorvo, lo scienziato che scelse l'Urss (BUR SAGGI) di

Nelle parole della grande giornalista recentemente scomparsa, l’appassionante e documentata narrazione della storia di Bruno Pontecorvo, fisico nucleare di fama mondiale che, nel pieno della Guerra fredda, scelse di abbandonare l’Occidente e di lavorare e vivere nell’Unione Sovietica. Grazie al talento della Mafai nel ricostruire gli eventi cruciali della vita di Pontecorvo in un nuovo...

Una vita, quasi due (Saggi)

Una vita, quasi due (Saggi) di

Sono nata sotto il segno felice del disordine.” È l’incipit di una vita, quella di Miriam Mafai, che avrebbe conosciuto molti colpi di scena, in decenni tormentati della storia europea: le persecuzioni razziali, la Seconda guerra mondiale, la Resistenza, la parabola grandiosa e tragica del comunismo fino allo sgretolarsi di quella potente illusione. Attraverso le parole della Mafai, i...