Scusi, è questa la Chiesa Madre?

Un misterioso personaggio, la cui vera identità si cela dietro uno pseudonimo (e capirai presto perché), rivela, per la prima volta in assoluto, i segreti, mai svelati prima, che hanno accompagnato i suoi lunghi anni di preparazione al “ministero”.

Che genere di “ministero”? Lo puoi scoprire se leggi con attenzione, e un pizzico di stupore e meraviglia, il dramma di una vita dedicata a una causa, rivelatasi presto, anche se non improvvisamente, priva di fondamento, a voler essere generosi.

Immagina di ascoltare espressioni come questa: “La religione mi sta bene ma i preti non li sopporto proprio, però non se ne può fare a meno”.



Sei anche tu di questo parere?



Qualunque sia la tua risposta, attraverso questa storia raccontata in prima persona dal protagonista, scoprirai come vengono preparati, e con quali metodi, coloro che sono “destinati” a guidare il popolo dei fedeli che fanno riferimento alla Chiesa Cattolica, Sancta Mater Ecclesia.

Si tratta dunque di un pamphlet pieno di rancore e di astio verso una così nobile istituzione?



Non sia mai! Al contrario, l'autore guarda alla sua storia con distacco, per quanto possibile, quasi come a una sperimentazione sociologica vissuta dal di dentro, cioè partecipata.



E la ragazza? C'è anche quella, ci sono anche quelle, gentili e sorridenti, non sono il sale della vita?

Non è un caso se a mostrare apprezzamento verso questa storia è stata una delle più grandi scrittrici italiane viventi (ma non svelerò il nome neppure sotto... il solletico!



“Ho trovato questo libro semplicemente delizioso. Leggero e profondo allo stesso tempo. Una narrazione spontanea che, come dice l'autore segue il "flusso continuo dei pensieri che andiamo inseguendo minuto per minuto senza porre cesure di sorta" con cui si viene a delineare la figura di un sacerdote e di un uomo straordinario che non ha paura di mettere a nudo la sua sensibilità e la sua umanità.”

Paola Devescovi, Traduttrice, Interprete, Imprenditrice



“...si avvicendano emozioni contrastanti e forti, c'è il tradimento, la rabbia, la disperazione, ma c'è anche tanto amore e tanta speranza… è un libro che parla di ciascuno di noi."

Sandra Brusa, Letterata



“La forma del racconto e del testo regala il rumore della battaglia fra l'urlo che pretende una risposta ad una realtà priva di senso e la rissa che spesso il non senso stuzzica.”

Paolo Flaviani, Docente

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli