L'assassinio Notarbartolo

Compra su Amazon

L'assassinio Notarbartolo
Autore
Paolo Valera
Editore
Passerino
Pubblicazione
25 novembre 2014
Categorie
"L'assassinio Notarbartolo" è il primo romanzo-inchiesta italiano sulla mafia, scritto da Paolo Valera, all'indomani del delitto Notarbartolo. Emanuele Notarbartolo ex direttore del Banco di Sicilia, fu la prima vittima eccellente della mafia, uccisa il primo febbraio del 1893, sul treno Termini-Palermo. I sospetti caddero immediatamente su un deputato della Destra storica, Raffaele Palizzolo, come mandante dell’omicidio, legato alla mafia palermitana. Il caso accese un importante dibattito sulla situazione della mafia in Sicilia e in Italia e, soprattutto, sulla collusione tra mafia e politica. Nel 1899 la camera dei deputati autorizzò il processo contro Raffaele Palizzolo come mandante dell'assassinio. Nel 1901 venne giudicato colpevole e condannato, ma nel 1905 fu assolto per insufficienza di prove, probabilmente sempre grazie ai suoi appoggi politici.
  
L'autore

Paolo Valera (Como, 18 gennaio 1850 – Milano, 1 maggio 1926) è stato un giornalista e scrittore verista italiano.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Paolo Valera

Milano sconosciuta rinnovata, arricchita di altri scandali polizieschi e postribolari

Milano sconosciuta rinnovata, arricchita di altri scandali polizieschi e postribolari di

Nel 1879 Paolo Valera unì i vari reportages che aveva realizzato per alcune riviste in un'unica grande opera dal titolo Milano sconosciuta, che per la crudezza dei suo quadri gli attira un processo per diffamazione. Quest'opera, riscritta più volte, ha goduto di numerose ristampe, anche in periodo recente. Si tratta di un vivace anche se un po' pruriginoso reportage nei luoghi del "vizio" (ma...

I miei dieci anni all'estero

I miei dieci anni all'estero di

Paolo Valera, nella sua carriera di giornalista, ebbe numerosi processi per diffamazione, e in seguito a uno di questi (con al centro la vicenda di Emma Allis, ex amante di Vittorio Emanuele II), venne condannato a tre anni di reclusione, e fu costretto a vivere in esilio a Londra per quasi un decennio (1888-1898). Queste sono le sue memorie.

P. Valera. Mussolini: Dal giornalismo a Capo di Stato. Gli articoli, i proclami, gli interventi alla Camera, gli avvenimenti che condussero alla nascita ... e l'ascesa al potere. (RLI CLASSICI)

P. Valera. Mussolini: Dal giornalismo a Capo di Stato. Gli articoli, i proclami, gli interventi alla Camera, gli avvenimenti che condussero alla nascita ... e l'ascesa al potere. (RLI CLASSICI) di

Scarica un estratto GRATIS e inizia a leggere subito! Questo ebook ha: INDICE LINKATO. Dal giornalismo a Capo di Stato. Gli articoli, i proclami, gli interventi alla Camera, gli avvenimenti che condussero alla nascita del Partito Naz Fascista e l’ascesa al potere.

I miei dieci anni all'estero

I miei dieci anni all'estero di

Paolo Valera, nella sua carriera di giornalista, ebbe numerosi processi per diffamazione, e in seguito a uno di questi (con al centro la vicenda di Emma Allis, ex amante di Vittorio Emanuele II), venne condannato a tre anni di reclusione, e fu costretto a vivere in esilio a Londra per quasi un decennio (1888-1898). Queste sono le sue memorie.

Mussolini

Mussolini di

In questa biografia, scritta nel 1924, Valera scatta un'istantanea della vita del Duce ma anche della società che ruota intorno alla sua figura. Il capo del fascimo però venne dipinto come un voltagabbana e questo non piaque ai gerarchi fascisti che ordinarono la soppressione del libro e che costò all'autore l'espulsione dal PSI.

Milano Sconosciuta. Gli Scamiciati. Dieci Anni all'Estero. Mussolini. La Folla. Giolitti. Insurrezione. Altri..

Milano Sconosciuta. Gli Scamiciati. Dieci Anni all'Estero. Mussolini. La Folla. Giolitti. Insurrezione. Altri.. di

Paolo Valera nacque nel 1850. Partecipò da giovane alla campagna del Trentino del 1866 con i volontari garibaldini. Successivamente si dedicò al giornalismo; si rivelò come uno dei più vivaci rappresentanti di quella "scapigliatura democratica" che egli cercò di condurre in politica su posizioni "estremiste" e in letteratura alla più radicale interpretazione del naturalismo come denuncia...