Belushi. In missione per conto di Dio. (BD Comics)

Animal House, Blues Brothers, Saturday Night Live e un faccione da maschera comica come pochi altri nella storia del cinema. John Belushi e? una delle grandi icone dello spettacolo del secolo scorso, scomparso per overdose a soli 33 anni: fama, successo e un’insaziabile fame di vita, col sorriso in faccia e l’abisso dentro. Alberto Schiavone (La mischia e La libreria dell’armadillo, Rizzoli, Nessuna carezza, Baldini e Castoldi) ripercorre la parabola di Belushi con una narrazione disincantata e minimalista, accompagnato dal segno ruvido di Matteo Manera.



Alberto Schiavone è nato a Torino nel 1980. Ha studiato storia dell’arte a Bologna, dove ha lavorato anche come cameriere, autista, traduttore e infine libraio per circa dieci anni. Attualmente lavora per Giangiacomo Feltrinelli Editore. Nel 2012 è uscito per Rizzoli il suo romanzo La libreria dell’armadillo. Ha esordito nel 2009 con La mischia. Il suo nuovo romanzo, Nessuna carezza, è uscito a settembre 2014 per Baldini & Castoldi. Vive a Milano.



Matteo Manera trascorre l'infanzia nella sua città di provincia. Disegna fin da bambino regalando i suoi lavoretti alle maestre che lo supportano, entusiaste. Si laurea in Fisica a Torino, dove vive per qualche anno. La passione per il disegno lo porta a vincere alcuni concorsi, tra cui la Comic Battle del 2010 a Torino. Pubblica 2 storie brevi per la casa editrice Eris Edizioni con cui esce, nel 2013, il suo primo graphic novel "Fino all'ultima mezz'ora". Ora è tornato a vivere in provincia. Le maestre sono molto contente. Anche per come vanno i suoi disegni.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Alberto Schiavone

Dolcissima abitudine

Dolcissima abitudine di Alberto Schiavone

Torino, 2006. Piera, sessantaquattro anni, sta partecipando al funerale del suo ultimo cliente. Per gran parte della sua vita Piera Cavallero è stata Rosa, una prostituta. Ha avuto molto. Ha avuto niente. Ha avuto soldi, tanti, un piccolo impero economico insieme a una sua emancipazione personale. E ha avuto un figlio, che però non la conosce. Ma Rosa negli anni non ha mai perso di vista questo...

Dolcissima abitudine

Dolcissima abitudine 1 di Alberto Schiavone Guanda

Torino, 2006. Piera, sessantaquattro anni, sta partecipando al funerale del suo ultimo cliente. Per gran parte della sua vita Piera Cavallero è stata Rosa, una prostituta. Ha avuto molto. Ha avuto niente. Ha avuto soldi, tanti, un piccolo impero economico insieme a una sua emancipazione personale. E ha avuto un figlio, che però non la conosce. Ma Rosa negli anni non ha mai perso di vista questo...

Nessuna carezza

Nessuna carezza di Alberto Schiavone Baldini&Castoldi

Veronica e Mauro, una normale coppia di trentenni prossimi a diventare genitori: lei lavora come cameriera, lui ha un contratto a termine presso un ingrosso alimentare. Una sera Mauro investe un collega, ferendolo: per sostituirlo, l'azienda è costretta ad assumere in via definitiva un altro dipendente. Veronica, apprendista Lady Macbeth di provincia, convince allora Mauro a uccidere uno dei ...

La gabbia e i suoi animali

La gabbia e i suoi animali di Alberto Schiavone Feltrinelli Editore

Stai andando al lavoro a piedi. Pacifico, cammini per strada, è un mattino come un altro. E, dal nulla, ti ritrovi accasciato a terra, la guancia che ti pulsa. Steso da un pugno che non hai visto arrivare. Chi è stato? Com'è possibile che nessuno l'abbia visto? E soprattutto: perché si è scatenato proprio contro di te? Inizia una caccia al colpevole che lascerà su di te segni ben più profondi ...

Ogni spazio felice

Ogni spazio felice 1 di Alberto Schiavone Guanda

«Questo bellissimo romanzo possiede il dono della pietas. Racconta delle vite minori senza giudicarle e senza facili consolazioni: l'amore e la resistenza che le animano sono consegnati, intatti e luminosi, ai lettori.» Giorgio Fontana «Schiavone ha la grazia di un nuovo Testori, per come rivela il cuore in affanno, e perché mette a nudo una Milano dimenticata che ha ancora un senso di ...