Io sono quello senza barba: Zuzzurro e Gaspare. Autobiografia di una strana coppia

Milano, 1976. Nel seminterrato del mitico Derby Club – fucina di talenti che ha visto esordire Giorgio Faletti, Teo Teocoli, Massimo Boldi e tanti altri – due giovani comici si guardano da lontano, si studiano, intuiscono rapidamente una cosa molto precisa: diversi in tutto, sono affini per umorismo e gusto della vita. Da lì a cominciare la collaborazione artistica è un attimo, e in poco tempo nasceranno gli immortali personaggi dello stralunato commissario Zuzzurro e del suo assistente carogna Gaspare.
Soci, amici e anche cognati per un pezzo, Nino e Andrea hanno attraversato insieme tre decenni di spettacolo: sono stati a lezione di comicità da Gianfranco Funari, hanno animato estati ruggenti tra Forte dei Marmi e la Sardegna, hanno visto Berlusconi (allora “solo” Sua Emittenza) rimproverare Liedholm per aver fallito una qualificazione in Coppa Uefa. Ma soprattutto sono stati protagonisti di irripetibili stagioni televisive a Drive In ed Emilio, hanno incassato i complimenti di un monumento della comicità come Neil Simon per i loro adattamenti di Andy & Norman e La strana coppia, hanno vissuto trent’anni di straordinaria carriera teatrale e sono tornati in tv con un’acclamata partecipazione a Zelig per ricevere l’abbraccio del loro pubblico e di colleghi vecchi e nuovi.
Quando Andrea Brambilla si spegne, il 24 ottobre 2013, tocca ovviamente a Nino dare la notizia: «Gaspare e Zuzzurro non ci sono più. Punto». Ed è proprio lui a raccontare in questo libro la loro storia, senza nascondere o addolcire niente, tra clamorosi successi pubblici e umanissime debolezze private, tra aneddoti esilaranti e momenti drammatici. La storia di Gaspare e Zuzzurro, la storia di Nino e Andrea.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli