Siamo fatti di stelle: Dialogo sui minimi sistemi (Super ET)

In una Trieste quasi incantata, seduti su una panchina del porto vecchio, Margherita Hack e Marco Morelli si immergono in un dialogo appassionato e sincero sulle piccole e grandi questioni della vita. Da Galileo alla religione, dalla politica ai giovani di oggi, dalle favole di quand'era bambina all'incontro con il marito Aldo De Rosa, dalla Firenze degli anni Venti alla casuale scoperta delle stelle, la Hack passa in rassegna novantuno anni eccezionali, regalandoci il ritratto ironico e anticonformista di una donna «laica e ribelle». *** «Mi piaceva tanto giocare al Bobolino con gli altri figlioli. Per mattinate e pomeriggi interi! Tutte le vacanze si passavano là, anche perché allora i soldi non erano molti e andare al mare o in montagna era un lusso per pochi. Quindi spesso si restava in città e si andava ai giardini dove si giocava a palla, a nascondino, a' acchiappino, a rincorrersi. Oppure ci divertivamo con le palline con cui si faceva il giro d'Italia e il giro di Francia... Ci passavo ore e ore a giocare con le palline ed ero fortunata ad avere la ghiaia in giardino, anche perché chi disponeva solo di un marciapiede o di un cortile col pavimento in pietra, disegnava la pista col gesso e al posto delle palline usava i tappi delle gazzose. Comunque ero fortunata perché potevo davvero giocare quanto mi pareva, i miei erano per lasciarmi libera, si fidavano e io potevo scavallare quanto volevo. Non mi gridavano continuamente "non correre! non sudare! non ti sporcare!" come invece succedeva alla maggioranza degli altri bambini. E poi, non avevo tanti pensieri, allora. Da bambini si sta bene, siamo liberi ed io non stavo certo a pensare a chissà cosa».

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Margherita Hack

La mia vita in bicicletta

La mia vita in bicicletta di

Montiamo in sella con Margherita Hack per ripercorrere con un'ironia garbata tutta toscana la sua vita al ritmo di dolci o sfrenate pedalate. La celebre astrofisica ci racconta come è passata dal triciclo alla bici da corsa. In mezzo ci sono le salite fiorentine, l'università; il secondo conflitto mondiale e il rifiuto di aderire al fascismo: l'amore per Aldo che, prima di diventare suo marito,...

Qualcosa di inaspettato: I miei affetti, i miei valori, le mie passioni (Economica Laterza)

Qualcosa di inaspettato: I miei affetti, i miei valori, le mie passioni (Economica Laterza) di

Una scienziata con gli occhi tra le stelle e i piedi sulla terra, e il cuore da tutte e due le parti. Un libro avvincente. Dario Antiseri, "Il Sole 24 Ore"La scrittura di Margherita Hack è un antidoto contro la retorica. Questo libro è un ottimo esempio di come si possano trasmettere modelli e idee sui valori fondanti, evitando di esibire certezze. "L'Indice"

Nove vite come i gatti: I miei primi novant'anni laici e ribelli (Best BUR)

Nove vite come i gatti: I miei primi novant'anni laici e ribelli (Best BUR) di

“La felicità è essere contenti di quello che si ha. E io non posso proprio lamentarmi. Ho avuto tanto senza mai scendere a compromessi.Ho battagliato, certo. Ma fa parte del gioco.” Ironica, irriverente, ostinata, Margherita Hack ha attraversato il Novecento con lo sguardo rivolto verso il cielo per indagare l’universo, ma ha sempre voluto tenere “i piedi ben saldi per terra”, mettendo la propr...

Margherita Hack. Il sole non è adesso (I dialoghi di Marco Alloni)

Margherita Hack. Il sole non è adesso (I dialoghi di Marco Alloni) di

«Capendo come sono fatte le stelle, come e perché brillano, come insomma esse nascano, vivano e muoiano esattamente come noi, arriviamo a capire più da vicino anche molti dei processi legati alla nostra vita. E alla fne sapere che anche le stelle nascono e muoiono è certamente molto rassicurante».Margherita HackAlzare gli occhi al cielo e osservare le stelle, interrogarsi sulla materia, il temp...