Mosche d'inverno: 271 morti in due o tre pose (La memoria)

Scrittori, poeti, santi, conquistatori, re e regine, papi e filosofi, e tanti meno noti la cui vita scopriamo proprio in limine mortis. Persone colte nel momento della fine, come se il modo di morire illuminasse di senso la loro stessa vita.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Eugenio Baroncelli

Risvolti svelti: Breviario amoroso di vite altrui capitolate

Risvolti svelti: Breviario amoroso di vite altrui capitolate di

Il libro dei libri di Eugenio Baroncelli si arricchisce di un nuovo tassello. Dopo 'Gli incantevoli scarti. Cento romanzi di cento parole', eccolo misurarsi con i risvolti di copertina. Ma questi raccolti in questo volume sono risvolti speciali, sono risvolti di vite altrui.

Libro di candele: 267 vite in due o tre pose (La memoria)

Libro di candele: 267 vite in due o tre pose (La memoria) di

Fulminanti ritratti di uomini noti e meno noti, poeti, musicisti, scrittori, comandanti, filosofi, profeti e re, astronomi e imperatori, storici e santi, eroi. Baroncelli riesce a cogliere il tratto essenziale delle loro esistenze, e in brevi schizzi ci restituisce vite vere e palpitanti.

Falene: 237 vite quasi perfette (La memoria)

Falene: 237 vite quasi perfette (La memoria) di

Le minibiografie di Baroncelli si leggono come esempi o come svolgimenti a tema di massime appartenenti a una filosofia di vita. Sono ritratti molto metafisici e molto poco storici. Dopo Libro di candele e Mosche d’inverno altre fulminanti biografie-in-una-pagina-sola: 237 vite di personaggi noti e meno noti, accomunate tutte, questa volta, da una qualche sconfitta.

Gli incantevoli scarti. Cento romanzi di cento parole: Cento romanzi di cento parole

Gli incantevoli scarti. Cento romanzi di cento parole: Cento romanzi di cento parole di

Ogni libro di Baroncelli è una sorpresa, uno scrigno in cui la biblioteca e la memoria dell’autore si mescolano dando luogo a opere straordinarie. Ora è la volta dei romanzi, raccolti in numero di cento; sono opere essenziali e tutto ciò che è superfluo è stato tolto. E tagliando e limando, ne rimane l’essenza, il senso autentico, racchiuso in cento parole.