Sardegna giallo e nera (eNewton Saggistica)

Prefazione di Ferdinando Imposimato
Omicidi, sequestri, fatti di sangue e serial killer, trent'anni di criminalità nell'isola più misteriosa d'Italia

Quando si parla di criminalità sarda si pensa subito ai sequestri di persona. I rapimenti dell’Anonima, tra gli anni Settanta e Novanta, sono stati una vera e propria piaga nazionale. Casi eclatanti, come quello del piccolo Farouk Kassam, hanno riempito le pagine dei quotidiani e sconvolto l’opinione pubblica mondiale. Negli ultimi trent’anni la cronaca nera è stata animata anche da episodi meno mediatici, eppure più feroci. È il caso di Mirella Anna Silocchi, lasciata morire di stenti dopo aver subito il taglio dell’orecchio, o quello di Alessandro Fantazzini, scomparso all’improvviso e mai tornato a casa. Ma la criminalità sarda non è fatta solo di sequestri. L’isola ha prodotto gruppi terroristici e spietati assassini, come quelli che hanno ucciso Vicky Danij, ragazza ungherese decapitata in un residence su ordine della moglie del boss di cui era amante; o quello mai identificato che ha ucciso Luisa Manfredi, figlia del celebre bandito Matteo Boe; o ancora quelli politici, come gli uomini di Barbagia rossa (succursale sarda delle BR) e del MAS (quel Movimento Armato Sardo ispirato dall’ideologia di Giangiacomo Feltrinelli). A volte invece è solo la follia o la sete di denaro a spingere un uomo a uccidere: è il caso di Sergio Curreli, killer seriale conosciuto come il Mostro di Arbus, che ammazzava anche su commissione.
Questo libro, chiaro e rigoroso al tempo stesso, ripercorre trent’anni di “vera” storia criminale sarda, studiando non solo i casi eclatanti di cui i media hanno già svelato ogni segreto, ma soprattutto quelli meno noti, che hanno segnato l’isola con ferite forse anche più profonde.

Attentati terroristici, sequestri di persona, omicidi…
Un’isola bagnata di sangue

Tra gli episodi criminali contenuti in questo libro:

La “campagna Peci” contro il pentitismo sbarca in Sardegna
Lula, il paese che ha vissuto per dieci anni nell’anarchia
Graziano Mesina e la nascita dell’Anonima Sequestri
Giorgio Calissoni, il primo mutilato dall’Anonima Sequestri sarda
Il caso Caggiari, un sequestro finito in strage
Matteo Boe colpisce sia in Sardegna che “in continente”
La “zona grigia” dei sequestri Melis e Soffiantini
I killer di “faccia d’angelo” nel carcere di Badu ’e Carros
Il natale dei morti ammazzati. L’uccisione di don Graziano Muntoni
Femminicidio. Il caso ancora aperto di Dina Dore


Gianmichele Lisai
è nato nel 1981 a Ozieri, in provincia di Sassari. Ha collaborato a varie antologie, scritto per riviste e curato, con Gianluca Morozzi, la raccolta di racconti Suicidi falliti per motivi ridicoli. Con la Newton Compton ha pubblicato 101 cose da fare in Sardegna almeno una volta nella vita, 101 storie sulla Sardegna che non ti hanno mai raccontato, 101 misteri della Sardegna (che non saranno mai risolti) e Sardegna giallo e nera.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Gianmichele Lisai

Proverbi e modi di dire della Sardegna

Proverbi e modi di dire della Sardegna di

Lo straordinario ritratto di un’isola attraverso le parole di un popolo sempre attento alla tradizioneI proverbi raccolti in questo libro giungono a noi dalla millenaria tradizione popolare sarda, tramandati da nonno a nipote, di generazione in generazione. Molti di questi sono ancora oggi di uso comune, altri più rari, altri ancora dimenticati e da riscoprire. Uno dei temi centrali della moral...

I delitti della Sardegna (eNewton Saggistica)

I delitti della Sardegna (eNewton Saggistica) di

Congiure di palazzo, spietati banditi, faide e omicidi: storie criminali dell’isola dal Medioevo a oggiTutti, almeno una volta nella vita, hanno sentito parlare dell’Anonima sequestri, organizzazione criminale le cui gesta, spesso, sono finite in tragedia, con l’uccisione di ostaggi innocenti. Ma la storia della Sardegna è densa di episodi sanguinari, più o meno noti, che vanno oltre il fenomen...

La bella decapitata nel bosco (Giallo Natale Vol. 8)

La bella decapitata nel bosco (Giallo Natale Vol. 8) di

Promosso commissario da poco più di un anno, Matteo Calìa si trova alle prese con il suo primo caso di omicidio: nella selvaggia Sardegna dell'entroterra, viene trovato il corpo decapitato di una donna senza identità. Gli indizi sono pochi, le ipotesi ancora meno e il giovane investigatore è ossessionato da una domanda: perché l'assassino si è portato via la testa della vittima? Forse la chiave...