Napoli habillée: Scenari della Napoli aristocratica nelle lettere di Carolina Ricci (1882-1883) (POLLINE)

Sullo sfondo di una vicenda personale e familiare – la ventenne Carolina, del nobile casato dei Ricci di Macerata, nipote di Massimo D’Azeglio e pronipote di Alessandro Manzoni, scrive alla madre da Napoli, dove soggiorna tra il 1882 e l’83 in cerca di marito – Napoli habillée racconta l’altro volto della città: altro rispetto a quello presentato dal Fucini qualche anno prima nel suo Napoli a occhio nudo (PL14 in questo catalogo). Gli scenari di una città aristocratica affollata di salotti e teatri, la sontuosa vita mondana con i suoi percorsi ed appuntamenti obbligati (Toledo, il Teatro San Carlo ...), i fasti e i rituali di una nobiltà che, negli anni Ottanta, ancora credeva di abitare la fastosa capitale di un Regno.


Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo