Come la penso: Alcune cose che ho dentro la testa (Chiarelettere Reverse)

Un’autobiografia in forma di saggi e di racconti. Per la prima volta ecco il laboratorio creativo di Andrea Camilleri (con una parte dedicata a Montalbano e alla sua Vigata) attraverso un percorso ricco di personaggi, luoghi, piccoli e grandi eventi, e con incursioni nella letteratura, nella filosofia, nella politica. Che bellezza leggere i suoi ricordi di ragazzo, le “controstorie” della sua Sicilia, e poi recuperare l’Italia di ieri e di oggi, intrattenuti dalla sua inesauribile vena critica e ironica.
Un ritratto a colori vivacissimi di come siamo e cosa pensiamo. Una scoperta.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Andrea Camilleri

Il nipote del Negus (La memoria)

Il nipote del Negus (La memoria) di

Anni 1929-1932. Il nipote del Negus, il principe Grhane Sollassié Mbassa, si trova a frequentare la Regia Scuola Mineraria di Vigàta. Da questo fatto vero Andrea Camilleri trae spunto per immaginare un «gustoso dossier, cose dette e cose scritte»: le lettere, i documenti, gli articoli di cronaca, in un clima di autentica stupidità generale.

Il re di Girgenti (La memoria)

Il re di Girgenti (La memoria) di

Ambientato nel primo quindicennio del Settecento, il nuovo romanzo di Camilleri si ispira a un episodio della storia siciliana. Erano gli anni in cui la Sicilia era con i Savoia, si succedevano rivolte e rivoluzioni. Per sei giorni Girgenti diventò un regno indipendente con un contadino che si autoproclamò re. Si chiamava Michele Zosimo. «Il re di Girgenti è il gran romanzo di Camilleri che tut...

La presa di Macallè (La memoria)

La presa di Macallè (La memoria) di

«La presa di Macallè» è ambientato nella Sicilia del 1935 durante la guerra in Abissinia. Protagonista del romanzo è un bambino violato che viene trasformato dalla martellante propaganda fascista dell’epoca, che tra l’altro «sacralizzava» Mussolini definito «l’uomo della Provvidenza», in un assassino, ma è un assassino innocente perché privato della possibilità di sviluppare la sua autonomia...

Le pecore e il pastore (La memoria)

Le pecore e il pastore (La memoria) di

Estate 1945. Il vescovo di Agrigento Monsignor Peruzzo viene ferito a morte da due proiettili. Per salvare la vita del pastore dieci giovani monache offrono la loro a Dio, lasciandosi morire. Camilleri scopre questa storia quasi per caso, da una nota a piè di pagina. E con la determinazione del detective «risale la storia. Insegue piste labili o cancellate. Conduce un'indagine sofferta e tormen...

Privo di titolo (La memoria)

Privo di titolo (La memoria) di

«Camilleri indaga sulla mistificazione , e smonta, dal di dentro, un monumento di mendacità, di santificazione e manganellante propaganda» (Salvatore Silvano Nigro). Storia di due falsi: un martire e una città.

Gli arancini di Montalbano (Il commissario Montalbano Vol. 29)

Gli arancini di Montalbano (Il commissario Montalbano Vol. 29) di

Venti racconti pubblicati per la prima volta nel 1999, venti storie di felice invenzione dove il lettore rimarrà deliziato da un Montalbano «delle origini» e dove i comprimari possono diventare protagonisti (Catarella, ad esempio, risolve un caso). Camilleri da autentico racconta-storie si diverte a creare situazioni in cui il senso di umanità del commissario ha la meglio sull’osservanza della ...