Anna Magnani (Donne nel Mito)

Se si volesse riassumere il Novecento italiano in una sola immagine, nessuna forse sarebbe più adatta del corpo della Magnani disteso sull’asfalto nella celebre scena di Roma città aperta. Ma non bisogna dimenticare che l’attrice-simbolo del neorealismo è stata anche una diva del teatro di rivista, una delle poche attrici comiche di valore, e che la sua vita non si esaurisce nel teatro e nel cinema. I suoi umori, il suo pianto, le sue risate, i suoi animali, i suoi uomini quasi sempre sbagliati, i suoi amori quasi sempre infelici, sono un pezzo di ventesimo secolo proprio come i suoi film.
Questo libro cerca di raccontare la vita di Anna Magnani così com’è stata, con le sue luci e le sue ombre, le sue gioie e i suoi dolori, le sue certezze e i suoi misteri. Anche se vi appaiono molti film, non è un libro di cinema. Anche se inizia e finisce con la morte, racconta la vita. E anche se può sembrare un romanzo, si basa soltanto su fatti realmente accaduti. Ma qualche volta la vita è più divertente di una rivista di Totò, più appassionante di un film da Oscar, più drammatica di un capolavoro neorealista.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Enrico Giacovelli

La felicità è un attimo pericoloso (IoScrittore)

La felicità è un attimo pericoloso (IoScrittore) di

Cinquant’anni, età di bilanci, di riflessioni, di ricordi. A cinquant’anni la felicità fa paura più che a venti. Ne sa qualcosa la voce narrante di questo romanzo, che alla soglia della mezza età ricorda un anno di trent’anni prima, quando tutto era ancora possibile. Anche l’impossibile.L’anno in cui il protagonista, con alcuni amici e compagni di studi, fondò una compagnia teatrale, l’anno in ...

Edith Piaf

Edith Piaf di

Certe vite sono come canzoni: brevi ma intense, vibranti, piene di amore e di amori. Così è stata quella della più grande cantante di musica leggera del Novecento, Édith Piaf, che prima per le strade di Parigi e poi sotto i cieli e i riflettori di ogni luogo ha cantato come nessun altro il dolore del mondo e la bellezza della vita, quasi fossero le due facce di un unico fenomeno: l’intensità de...