Aneddoti

Diciotto aneddoti tutti veri: La memoria dei genitori e dei primi parenti che formavano una sola famiglia, l’incursione sulle scene del teatro, la meraviglia della scoperta su un cucchiaio al mattino, la pallacanestro di una volta, la mala giustizia, l’inganno delle assicurazioni, gli errori delle norme di sicurezza, la legge di Murphy, il casale rustico, l’importanza di un cognome, Città della Pieve, e così via fino a far accendere la luce con un limone. Anzi con mezzo.
A concludere un apologo significativo

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Giampietro Favero

Lampi di memoria

Lampi di memoria di

Può un bambino di due anni o giù di lì avere ancora delle memorie? Se queste sono legate ad un fatto specifico che ha lasciato un’ombra indelebile nella mente del fanciullo, la risposta è sì. Ed i primi fatti legati alla mia memoria sono: il vagare nel corridoio di casa con un vasino da notte in mano e poi portare trionfante un simulacro del re nemico, preso in giro dalla tata. Poi tanti...

Argonauti

Argonauti di

Gli dei avevano finito vittoriosamente la battaglia contro i titani, poi quella contro i giganti e quindi contro i ciclopi, e si rendevano conto dell'esistenza degli umani, che sentivano in effetti sottoposti ma con i quali era talvolta piacevole convivere se non li si prendeva troppo sul serio. Qualcuno degli dei si spingeva un po' troppo nell'amicizia con gli uomini, salvo poi pentirsene e...