2000: Quale terzo millennio? (Saggi italiani)

Il Giubileo e i segreti di Fatima.
Il conflitto fra laici e credenti.
I rapporti dell’Italia con il Medio Oriente e gli Stati Uniti.
Una testimonianza inedita e in presa diretta sulle grandi questioni aperte del presente e del futuro.

Giulio Andreotti ha incominciato a tenere un diario subito dopo la liberazione di Roma, su esortazione di Leo Longanesi. Da allora ha fermato giorno dopo giorno i propri pensieri annotandoli su un quaderno privato. Giunto sulla soglia del nuovo millennio, in un anno dal denso valore simbolico e in occasione del Giubileo, Andreotti ci offre le sue rifl essioni su temi signifi cativi e ancora attuali come il problema del petrolio e delle fonti energetiche alternative e dell’inquinamento; l’aborto e la procreazione assistita; l’amnistia, i ritardi della giustizia e le polemiche sulla magistratura e altro ancora. Questioni che dividono destra e sinistra, credenti e non credenti.
Con uno stile asciutto e cristallino, e non senza la spiritosa sagacia che lo contraddistingue, l’autore descrive nelle sue rapide annotazioni quotidiane l’intrecciarsi di avvenimenti grandi e piccoli, nazionali e internazionali. Vi trovano posto le elezioni regionali e la fi ne dell’IRI; la beatifi cazione dei pastorelli di Fatima e la morte di Bettino Craxi; le travagliate elezioni presidenziali americane e le travolgenti Giornate mondiali della gioventù a Roma; le ansie per le sorti del Medio Oriente e la grazia concessa ad Ali Agca; le prime discutibili puntate dei reality show e il rinvio in appello del processo a suo carico. E i protagonisti del nostro tempo sfi lano davanti a occhi tanto attenti e rivelatori: da Papa Giovanni Paolo II a Bush, da Kofi Annan a Putin, da Gassman a Martini.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Giulio Andreotti

Il buono cattivo

Il buono cattivo di Giulio Andreotti La nave di Teseo

1970, in una villa sul lago di Como la vedova Falconi amministra una residenza di vacanza frequentata da potenti, generali, magistrati, grandi avvocati. Come in un moderno Decameron, tra vini d’annata e chiacchiere, la compagnia affronta ogni sera, a turno, un diverso argomento. Il protagonista – dietro i cui tratti ammicca l’ombra dell’autore – ascolta e divertito racconta, intrecciando ...