Vedere di corsa e sentirci ancora meno

Anno 2008. Cosmo Capoverde si ritrova da un giorno all’altro senza più sentire nulla a causa di una malattia. Cosmo aveva deciso di scrivere un libro sulla corsa, ma, incontrata Laura, parte alla volta di una lunga maratona introspettiva che lo porterà a riconsiderare la realtà secondo nuovi punti di osservazione. Aveva sempre avuto paura di esprimersi e dichiarare apertamente quello che sentiva e provava, prima di tutto a se stesso, ma scopre che ora ha il problema opposto: quello di aver troppe cose da voler raccontare.
Un diario biografico reale, che non lascia spazio a false speranze o a interpretazioni illusorie e per questo ancora più sorprendente.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Marco Frattini

Il Mio comandamento

Il Mio comandamento di

Marco Frattini trova una ulteriore sfida in un romanzo che affronta ancora una volta la rivisitazione interiore del suo protagonista. Cosmo non è più alter ego dell'autore per quanto siano inevitabili i riferimenti che hanno ispirato questo lavoro. L'eterna questione del rapporto tra Dio e uomo si sviscera nella ricerca di cosa possa influire sull'esistenza umana dal punto di vista psichico, f...

Urban Gods

Urban Gods di

Dieci racconti selezionati da Writer's Dream, dieci modi diversi di intendere l'urban fantasy e le divinità.In sospeso tra miti antichi e scenari moderni. Un viaggio tra Cristianesimo, mitologia greca, dei etruschi e antichi egizi, fino a giungere al lontano Giappone."Sono le 04:49:00 (precise) del 29 novembre 2010, ora locale. Il mio viso è a ventotto centimetri dal suo. La sua pelle odora di...