Mi piace il vento perché non si può comperare: Gianni Agnelli in parole sue (Management)

Gianni Agnelli è stato forse l’uomo più rappresentativo dell’Italia dal Dopoguerra, e la sua storia personale si è intrecciata con quella del Paese. Erede e successore del nonno nella responsabilità della maggiore industria italiana, ma anche amante della vita,ha incarnato più di ogni altro lo spirito “familiare” e insieme internazionale dell’imprenditoria italiana ed è stato un protagonista straordinario della sua epoca.
Sull’Avvocato hanno scritto in molti mentre era in vita – spesso ai limiti dell’agiografia –, e assai raramente dopo la sua morte, senza approfondire la sua complessa figura di imprenditore e di ambasciatore dell’Italia all’estero. Per contribuire a colmare la lacuna,questo volume lo fa parlare direttamente, andando a cercare nei suoi tanti interventi e interviste. .
L’obiettivo è fare emergere gli elementi di attualità del suo pensiero – pur nei profondi cambiamenti chela società multimediale e la grande crisi economica e finanziaria hanno determinato nel frattempo – per farlo conoscere ai più giovani, e aiutarli a capire i problemi e le questioni che ancora oggi caratterizzano il nostro Paese: dall’immobilismo sociale al debito pubblico, dall’opportunità di un’unione politica europea all’internazionalizzazione delle imprese. .
La raccolta è divisa in tre parti dedicate rispettivamente al ruolo internazionale di Agnelli – attorno ai due pilastri dell’atlantismo e dell’europeismo –, alla sua attività di capitano di industria e responsabile.
Fiat e, infine, all’uomo con le sue passioni. Tre profili per raccontarlo meglio, anche se si tratta di espressioni di una stessa realtà, in cui la passione non poteva fare a meno del senso di responsabilità, e questo della visione internazionale della vita.“Vi raccomando la Fiat”, disse accomiatandosi dall’impresa del Lingotto dopo trent’anni di presidenza.E oggi, a dieci anni dalla sua morte, non si può non porsi l’interrogativo sull’esito di quella sua esortazione. E riflettere sul futuro industriale dell’Italia.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Stefania Tamburello

L'economia è il mezzo per cambiare l'anima: Margaret Thatcher e Ronald Reagan in parole loro (Management)

L'economia è il mezzo per cambiare l'anima: Margaret Thatcher e Ronald Reagan in parole loro (Management) di

Si è tornato a parlare di loro. La crisi, la ricerca delle cause del terremoto che ha fatto cadere in recessione l’Europa, hanno riportato sotto i riflettori le politiche liberiste di Ronald Reagan e Margaret Thatcher.Dieci anni sono trascorsi dalla scomparsa del Presidente degli Stati Uniti arrivato da Hollywood, un anno da quella del primo premier donna del Regno Unito, che hanno condiviso l’...

Mario Draghi, il Governatore: Dalla Banca d'Italia al vertice della Bce (Economia e storia economica)

Mario Draghi, il Governatore: Dalla Banca d'Italia al vertice della Bce (Economia e storia economica) di

Quando è iniziata la corsa per la successione di Jean-Claude Trichet alla presidenza della Bce, nessuno avrebbe scommesso sul successo di un candidato italiano, anche se autorevole come il governatore della Banca d'Italia. Invece Mario Draghi ce l'ha fatta, vincendo le resistenze della Germania, che puntava il dito contro la sua nazionalità, e conquistando i consensi dell'Europa intera. A Franc...