Invecchierò ma con calma (Ingrandimenti)

"Non perdere tempo, inventati ogni minuto della vita" è da sempre il monito preferito di Marina Ripa di Meana. Perché non è vero che tutto finisce con i fatidici "anta" e che quando arriva la maturità il più è fatto. Marina è la dimostrazione che esiste un universo di passioni, pensieri e sentimenti capace di riempire di significato ogni giorno della nostra esistenza, a prescindere dall'età. Invecchierò ma con calma è il racconto autobiografico di una donna che nella prima parte della propria esistenza ha avuto tutto: successo, bellezza, amore, sesso, soldi, celebrità, anche se dietro quella facciata di apparente spensieratezza c'erano grande fatica, determinazione e sofferenza. Una donna che non ha mai rinunciato alla voglia di anticonformismo, di libertà; una donna che, come dice lei, "non si è fatta mancare nulla". Non è stato un percorso semplice. Marina non smette mai di battersi per i valori in cui crede ogni qualvolta li vede minacciati, dalla ramanzina alla giardiniera che pota con eccessivo ardore i suoi amati alberi e cespugli, alla difesa dei diritti degli animali, alla vibrata e solitaria protesta per bloccare la costruzione di un parcheggio sotto il Pincio o per impedire la distruzione di platani secolari nel cuore di Roma. Marina continua a coltivare con passione i sentimenti per le persone amate: per la sorella Paola, morta di cancro, per la figlia Lucrezia, con la quale ha da sempre un rapporto di eterna, appassionata polemica, per le nipoti, per il figlio adottivo Andrea, per gli amici, potenti e non, e infine per lui, Carlo Ripa di Meana, il principe della sua favola d'amore. Inoltre, da circa dieci anni, Marina affronta con coraggio seri problemi di salute, diventati per lei l'occasione per un impegno personale in difesa dei diritti di tutti i malati ad avere cure adeguate. Nelle pagine di questo libro scoprirete una donna nuova, imprevedibile, che vi stupirà: Marina delle sorprese.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Marina Ripa di Meana

Colazione al Grand Hotel: Moravia, Parise e la mia Roma perduta

Colazione al Grand Hotel: Moravia, Parise e la mia Roma perduta di

«Verso la metà degli anni Settanta mi sistemai per alcuni mesi al Grand Hotel. Fu un periodo come fuori dal tempo. Non avevo una lira in tasca, ma vivevo come una miliardaria, viziata e coccolata. Per alleviare quella specie di clausura di lusso invitavo spesso a colazione due amici, Alberto Moravia e Goffredo Parise. Erano i miei dioscuri, i miei cavalieri del cielo, Castore e Polluce, miei co...

I miei primi quarant'anni (RITRATTI)

I miei primi quarant'anni (RITRATTI) di

Se l’Histoire d’O era la storia di una schiava d’amore, I miei primi quarant’anni sono il racconto della vita di una conquistatrice. Quando nel 1984 l’autobiografia di Marina Ripa di Meana arrivò in libreria, esplose come una bomba nel sonnolento mondo dell’alta società degli anni Ottanta. Il racconto disinibito, ironico e travolgente di avventure e disavventure di questa donna bellissima e ama...

Virginia Agnelli (CLESSIDRA)

Virginia Agnelli (CLESSIDRA) di

Bellissima, trasgressiva, intelligente, figlia di un principe e della travolgente americana Princess Jane: Virginia Bourbon Del Monte Agnelli, madre di Gianni, Susanna e di altri 5 figli, ha avuto una vita drammatica e “scandalosa”.Questo libro vuole restituire alla storia la figura di una donna affascinante e decisiva nella formazione di re Gianni e della famiglia reale Agnelli. Nella costruzi...