La chiamavano Stalingrado d'Italia

Una delle più importanti concentrazioni operaie del XX secolo, luogo di industrie, movimenti popolari, coscienza di classe, avanguardie politiche e sindacali… Ma da Sesto San Giovanni, ex città delle fabbriche con il suo patrimonio umano tuttora straordinario, e dalle controtendenze diffuse nella società civile del paese possono nascere sfide stimolanti per una dimensione esistenziale avanzata nel terzo millennio.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli