Fra le righe. Carteggio fra Carlo Rosselli e Gaetano Salvemini (Società, storia e cultura)

Il carteggio Rosselli-Salvemini si apre nel 1925, all’indomani del discorso mussoliniano che inaugurava la dittatura fascista, e si conclude nel 1937, poco prima dell’assassinio di Carlo e Nello Rosselli. Nell’arco di dodici anni il dialogo tra i due è ravvivato da riflessioni e giudizi, previsioni e speranze, polemiche e discussioni illuminanti per conoscere la storia di “Giustizia e Libertà”, per seguire le vicende dell’emigrazione antifascista e per cogliere aspetti e problemi della politica internazionale e della crisi della democrazia.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di VV. AA.

Alchimia e chimica nel Settecento: Antologia di testi

Alchimia e chimica nel Settecento: Antologia di testi di

La chimica del Settecento è una scienza soggetta a rapide e profondissime trasformazioni. Per molti versi questi cambiamenti coesistono con la persistenza di concetti attinti dalla tradizione alchemica: mentre personalità autorevoli come Guillaume François Rouelle e Pierre Joseph Macquer credono ancora nella trasmutazione dei metalli vili in oro, l’immagine dell’alchimia che traspare dall’Encyc...

Visioni al futuro: Contributi all’Anno europeo del patrimonio culturale 2018

Visioni al futuro: Contributi all’Anno europeo del patrimonio culturale 2018 di

In vista del 2018 Anno europeo del patrimonio culturale, quattrocento operatori culturali istituzionali e indipendenti, suddivisi in undici gruppi di lavoro, hanno dato vita nel settembre 2017 ad ArtLab Mantova, uno straordinario laboratorio programmatico, allo scopo di individuare i temi, le priorità e le modalità di azione per valorizzare i patrimoni culturali materiali, immateriali e digital...

Max Ascoli. Antifascista, intellettuale, giornalista (La società moderna e contemp. Anal.contr.)

Max Ascoli. Antifascista, intellettuale, giornalista (La società moderna e contemp. Anal.contr.) di

Le tappe che hanno caratterizzato la vita di una così complessa personalita: il periodo italiano, l’antifascismo e la scelta dell’esilio; quello tra le due guerre, con un ruolo di primo piano nel mondo accademico newyorkese; quello del dopoguerra, quando si dedica totalmente alla realizzazione della rivista «The Reporter».

Don Pietro Boifava. Un patriota nel cattolicesimo sociale bresciano (Laboratorio sociologico)

Don Pietro Boifava. Un patriota nel cattolicesimo sociale bresciano (Laboratorio sociologico) di

In un contesto, quello ottocentesco bresciano, in cui il sacerdote entrava a far parte di un welfare moderno, Don Pietro Boifava di Serle (1794-1879), umile e modesto rappresentante del ‘basso clero’, pur con un’attività limitata alla sua Serle, fu veramente espressione del ‘prete sociale’ e assieme interprete dell’avanzante modernità laica.

L'impegno e la ragione. Carteggio tra Aldo Garosci e Leo Valiani (1947-1983) (Società, storia e cultura)

L'impegno e la ragione. Carteggio tra Aldo Garosci e Leo Valiani (1947-1983) (Società, storia e cultura) di

Nelle lettere che Aldo Garosci e Leo Valiani si scambiano tra il 1947 e il 1983 emerge l’atmosfera politica, culturale ed emotiva che ha contraddistinto quattro decenni di storia italiana e internazionale del ’900, di cui entrambi sono stati testimoni, protagonisti, partecipi. Attraverso la soggettività politica di Garosci e di Valiani, l’antitotalitarismo del primo e l’antifascismo del secondo...

Il Sacro Corano (Evergreen)

Il Sacro Corano (Evergreen) di

Il testo fondamentale dell'Islam in edizione italiana. Per scoprire ed approfondire le conoscenze di questa antica cultura.