Rosa spugnoso

Compra su Amazon

Rosa spugnoso
Autore
Dario Tesser
Editore
Dario Tesser
Pubblicazione
18 novembre 2015
Categorie
- Vita di un pittore di una città di provincia del NordEst, il gruppo, l'amore, le sue originali scelte di vita -

INCIPIT

“Guardare per lunghi momenti i fiumi, le rocce, i fiori del campo, il mondo intorno finché vaghe sensazioni avvolgano le immagini poi lasciandole là, straordinariamente irreali: pensieri per i quali non si cerca ragione, né si cerca il filo logico delle sequenze e nemmeno un minimo legame con l’Io cosciente; immaginare angoli sereni dell’animo umano, le pieghe profonde dove talvolta arrossendo si nasconde l’affetto; scorgere le trasparenze dei propri sentimenti o degli altrui e stupirsene e restarne abbagliati o sconvolti…”
Carlo aveva spesso di queste rappresentazioni mentali più o meno coscienti però assolutamente colorate.
“…tutto ciò ma altro, tanto ancora è possibile per un pittore. E non importa che sia o no un grande artista, famoso. In fondo non conta nemmeno che sia bravo a dipingere, purché dipinga il suo pensiero poetico; questo sì che sia grande, immenso tanto da comprendere l’universale sentire.”
Figurazioni che gli apparivano piuttosto estranee eppure potevano essere, come a volte sono le contemplazioni interiori, disincantate esploratrici dell’Io meno noto.
Nello stesso modo a sua insaputa, Carlo Zulay era un pittore di questi. Era inoltre un gran signore o almeno tale egli si riteneva potendo gestire il suo tempo. Disponeva persino di due cognomi, Scarpa e Zulay appunto. Quando li usava insieme, per atti ufficiali o presentazioni, molti lo degnavano di maggior attenzione, trattandolo (qualora vestisse appropriatamente) anche con un certo ossequio, immaginandolo un po’ aristocratico in una Repubblica che di queste cose ufficialmente se ne stropiccia.
Star là a spiegare che era figlio della signorina Laura Zulay di lontanissima origine polacca, la quale lo aveva avuto da un distratto Aniceto (detto e pronuciato Nice) Scarpa che, in un secondo tempo, l’aveva sposata, seppur non troppo tempestivamente, tanto che gli era rimasto appiccicato il cognome della madre e che Nice, siccome il figlio comunque era suo, l’aveva poi adottato imponendogli, in aggiunta, anche il suo cognome? Significava perdere un sacco di tempo e poi erano affari suoi. Così non pochi continuavano a ritenere di nobile casato uno già figlio della colpa il quale, disinteressato all’argomento, continuava a farsi chiamare solo con il cognome materno.
-
Copertina realizzata da Sara Cavallaro

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Dario Tesser

La pelle del leone  -  storia beòria

La pelle del leone - storia beòria di

Mai nel passato, nemmeno per un attimo, avevo pensato di dover arrivare un giorno a prendere delle medicine per vivere o quanto meno per vivere meglio. Veramente fino ai dieci anni non mi era girata per la mente neanche l’idea di morire, né della morte in genere, se non in modo assolutamente astratto. Come per i banditi visti al cinema Risorgimento detto Peoceto. Mi dispiaceva il fatto...

Fuoricorso

Fuoricorso di

"Per una volta nella vita s’era fatto prendere dall’impulso, incongruente dal suo punto di vista, di fare carriera e, invece di far finta di nulla come al solito, l’aveva purtroppo assecondato perciò condannandosi a inghiottire, per anni e anni, un certo fastidio di sé. In ogni modo, illudendosi che gli importasse qualcosa, s’era messo a studiare grafici e manuali finendo quasi con...

mi riprendo la vita

mi riprendo la vita di

Una specie di dirigente-impiegato d’azienda, si ritrova disoccupato. Crolla quel mondo nel quale aveva creduto. Senza più lavoro e famiglia, abbandonato dai figli, vive alla giornata, quasi da barbone ma riscopre inaspettatamente una vita fatta di semplicità, emozioni, crude disillusioni, accettazione degli istinti. Ma, infondo, a che cosa è stato costretto a rinunciare? Alle cose...

Una collana di corallo rosso

Una collana di corallo rosso di

Sandra, Giulia, Claudia, situazioni diverse, donne diverse accomunate dal rapporto conflittuale che tutte e tre vivono con il loro uomo. Claudia, in seguito ad un rapporto fallito, inizia finalmente una storia d’amore ricambiato e felice. Legate invece da un destino comune, Sandra e Giulia, rispettivamente moglie e amante del giornalista Giorgio, subiscono le prepotenze fisiche e,...

L'amore esauriente

L'amore esauriente di

Un soggiorno a Lussino, il mare, la stanza in affitto, la gita in barca, la febbre, l'angoscia... E' l'inizio di un lungo travaglio interiore, il percorso di un uomo che si scopre Persona e poi, forse, uomo di Dio. Spesso ricerchiamo la nostra strada attraverso uomini particolari; ci giunge la voce di uno di loro, dotato di una grande carica umana, che analizza il proprio percorso di fede...

Il cuore al di là

Il cuore al di là di

“La passione per il cavallo aveva costituito l’esclusivo interesse di un uomo stanco, il solo apprezzabile della vita. Un interesse ritenuto l’unico motivo per cui, da troppo tempo ormai, valeva la pena di mettersi in moto e accettare tutto ciò che, di piacevole e meno piacevole, comportava il posare ogni mattina i piedi per terra scendendo dal letto. Il lavoro con i cavalli, l’impegno...