Rose Rosso Sangue

«Chi dice donna, dice danno». Si apre così l'introduzione di questo libro, che sin dalle prime righe definisce il soggetto (la donna) e l'oggetto (il danno che essa rappresenta) della narrazione. Rose Rosso Sangue raccoglie otto storie di femminicidio e violenza fisica o psicologica con scene a volte pesanti, ma con le quali si vuole dimostrare che la violenza sulle donne oggi ha cambiato nome, ma è la stessa del passato, nonostante i numerosi sforzi delle esponenti del gentil sesso di andare avanti, di emanciparsi, di dimostrare all'uomo (maschio) e a se stesse che anche loro possono farcela da sole.

Queste pagine sono il racconto di storie verosimili di ragazze e donne che sono state private della propria dignità e a volte della stessa vita, per il solo fatto di essere donne. Sono le ragazze e le donne della porta accanto, della cui sofferenza ci accorgiamo quando è troppo tardi per intervenire. Questo libro ha di sicuro l'intento di denuncia, ma non attraverso uno studio o una trattazione, bensì attraverso le storie, i racconti, le persone… Queste pagine invitano i giovani, non ancora entrati in tale spirale di violenza, a riflettere e a dare a se stessi e agli altri un'altra possibilità, un'altra strada, un'altra chance.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo