Abbattere muri, costruire ponti. Lettere a Paolo VI

Le lettere di Giorgio La Pira ai papi sono, quasi, un “diario di bordo” della complessa navigazione di questo personaggio, per ben venticinque anni, attraverso la cronaca politica, gli orizzonti della storia, i segni dei tempi, gli eventi quotidiani e i sommovimenti del mondo. Tuttavia, le lettere a Paolo VI, rispetto a quelle a Pio XII e a Giovanni XXIII, hanno un carattere particolare. Sono le lettere a un amico, divenuto papa. Manifestano le sue visioni e i suoi sentimenti negli ultimi quattordici anni di vita. Ricapitolano il suo pensiero e il suo metodo “storico”. Anche negli ultimi anni La Pira tiene lo sguardo diretto al futuro, seppure il mondo di domani non sarebbe stato più il suo. Non è facile che una persona anziana non si ripieghi sul presente o sul passato. Ma il professore cercava sempre di leggere la “storia del futuro” cogliendo i segni dei tempi, per usare un’espressione divenuta popolare con il Concilio Vaticano II. Era un vero “scrutatore” dei segni dei tempi. Era quella che lui stesso chiamava, con un’espressione felice, la storiografia del profondo.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli