Una Strana Faccenda

Compra su Amazon

Una Strana Faccenda
Autore
Editore
Cavinato
Pubblicazione
5 dicembre 2015
Categorie
Una penna biro si regge in piedi, da sola, al centro di un enorme e bianco foglio vergine. Sembra che qualcuno l’abbia infilzata li’ per farle scrivere più di quell’unico punto nero che ha saputo mettere giù finora; invece, addirittura, nessuno l’ha mai presa neanche in mano. Come ci sia arrivata è inspiegabile. Come si regga in piedi da sola è un mistero. Chiudo gli occhi e vedo un uomo scimmiesco: non so dire se è un uomo che somiglia molto a una scimmia o una scimmia che sembra un uomo. E’ appeso con le braccia a un grosso ramo di un albero, una sequoia possente e millenaria, con il tronco azzurro e le foglie violacee. Sta usando tutte le forze che ha, è stremato. La pena del mio cuore lo incoraggia a non mollare. “Non ti stancare uomo scimmia, non lasciare la presa, vedrai che ce la farai”. Ma l’uomo scimmia non sta cercando di non cadere. Esattamente il contrario. L’opposto. Vuole tirar giù quello che sembra un ramo perché in realtà è il manico di un boccaporto che nasconde un tesoro. Quante cose sono diverse da come sembrano. Sono in piedi su una stella lucente di metallo, scivolosa e lucida come lo era l’argenteria di mia nonna. La stella ha quattro punte. Sembra che una slavina ci sia appena passata sopra e l’ abbia resa gelida, oltre che brillante. Sotto c’è il mare. Un mare limpido e liscio come la seta, che corre veloce sotto i miei piedi volanti. Mi sdraio su di essa, fatico a tenere la presa salda. Mi sento come la pancia di un sottomarino che, all’ordine del comandante, scivola giù nel buio e nel silenzio dell’oceano. Passa un antico vascello. Vi sono schiavi dentro, uomini dalla pelle scura e dura come solo loro sanno avere. Le loro dimensioni non sono umane, come i loro sogni. Sbarcheranno su quell’isola? Andranno verso la vita o verso la morte? Questo dipende da che parte dell’isola si guarda. Se vi state chiedendo quali assurde storie racconteranno le prossime pagine che seguiranno questa, già abbastanza confusa, mettetevi comodi sulla punta di una stella. Quello è sicuramente il posto migliore per osservare. Potremmo fare tutto insieme, anche girare un’ isola. Potrete farlo voi stessi, se vorrete. E se anche a voi, spesso, sembra che niente è come appare, rigiratelo ancora. Il niente. Troverete un’altra faccia, un’anima sepolta, un’ombra impolverata. Non credete di impazzire solo perché state girando il niente. Se quello che avete letto fin qui vi è piaciuto, allora siete già pazzi.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di

America oggi: Cinema, media, narrazioni del nuovo secolo (Orizzonti)

America oggi: Cinema, media, narrazioni del nuovo secolo (Orizzonti) di

I diciotto saggi qui raccolti, dedicati all’analisi di film e serie TV, intendono tracciare i contorni di una mappa sintomatica dell’America degli anni Zero e oltre. Un insieme di forme narrative e stilistiche, di autori e generi, di strategie produttive e convergenze mediali in grado di raccontare e mostrare alcuni aspetti dell’identità americana all’alba del nuovo secolo. La global...

Fiabe islandesi

Fiabe islandesi di

Terra di miti e leggende che sembrano riecheggiare ancora nei suoi paesaggi lunari, l'Islanda ha dato voce alla sua creatività anche in un originale patrimonio di fiabe, qui raccolte in un'antologia inedita. Un mondo di castelli stregati, lotte in sella ai draghi e viaggi per mare con le barche di pietra dei troll, popolato da bellissime regine che si rivelano orchesse, elfi dispettosi che è...

Odi. Quindici declinazioni di un sentimento

Odi. Quindici declinazioni di un sentimento di

Quanti modi ci sono di odiare? Con quanti nomi si chiama l'odio, quanto ci serve, quanto se ne vede e quanto se ne subisce? È ormai chiaro che il sentimento che più di tutti si affaccia nel nostro tempo è proprio questo, l'odio: negli sfoghi sui social, nei muri che si alzano o si vogliono alzare, nel rifiuto dello straniero, nella furia delle tifoserie, nelle difficoltà relazionali che...

Repertorio dei matti della città di Torino

Repertorio dei matti della città di Torino di

"Uno telefonava ai vicini per dire che dalla sua finestra vedeva un quadro storto e per favore di drizzarlo, se no non riusciva a dormire."

Narnia. La teologia fuori dall'armadio

Narnia. La teologia fuori dall'armadio di

Il libro, firmato da esperti dell'universo di Lewis, conduce il lettore a entrare nel cuore delle "Cronache di Narnia" a vantaggio di quanti a scuola, in famiglia o al catechismo vorranno accostare, attraverso il leone Aslan e gli altri personaggi, niente meno che il protagonista del Vangelo: Gesù Cristo. Le "Cronache di Narnia", scritte da C.S. Lewis alla fine degli anni Cinquanta del secolo...