Poliziano e l'ambiente mediceo

L’Umanesimo italiano ha forse in Angelo Poliziano (1454-1494) il suo piú straordinario rappresentante, eruditissimo e raffinato poeta trilingue (in greco, latino e volgare), professore allo Studio fiorentino, primo filologo dell’età moderna. Questo volume offre un aggiornato studio della sua vicenda biografica e letteraria, fino all’oscura morte, avvenuta forse per avvelenamento da arsenico. L’opera è vagliata con minuta attenzione e sempre collocata nel piú ampio quadro della cultura medicea all’interno della quale egli si trovò a operare. Sono qui analizzate tutte le sue opere in volgare e, soprattutto, in latino, con interpretazioni talvolta nuove e sorprendenti, come nel caso, ad esempio, della Sylva in scabiem: la rilettura, con una nuova sistematica interpretazione e segnalazione delle fonti, definisce la trascurata selva come un capolavoro, non solo di Poliziano ma dell’intero secolo XV. Emerge un uomo che non solo fu eccellente poeta, ma rivestí anche un ruolo primario come intellettuale organico al potere mediceo. Fu protagonista, dunque, attorniato da eccellenti deuteragonisti: Marsilio Ficino, Cristoforo Landino, Giovanni Pico della Mirandola, oltre ai molti altri poeti e intellettuali operanti nel corso del XV secolo.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di

Pulci: Luigi e una famiglia di poeti

Pulci: Luigi e una famiglia di poeti di

Membro di una famiglia di poeti, anch’essi tutt’altro che trascurabili, Luigi Pulci, l’iniziatore del poema cavalleresco d’autore, è uno dei piú straordinari poeti del Rinascimento volgare. Una biografia, la sua, travagliata, segnata da sintonie culturali con Lucrezia Tornabuoni e soprattutto dal legame quasi morboso per Lorenzo de’ Medici, alternato di connivenze e tradimenti, e costellato da ...

Da Giuda a Manzoni: Personaggi inquietanti tra storia, religione e letteratura

Da Giuda a Manzoni: Personaggi inquietanti tra storia, religione e letteratura di

Il libro propone cinque irriverenti “medaglioni” dedicati ad altrettanti personaggi “inquietanti”, dislocati in varie epoche, dai tempi di Gesú (Giuda e Maddalena) al Rinascimento (Beatrice Cenci, innocente ultrice o spietata assassina?), ai secoli a noi piú prossimi (Manzoni, del quale qui si propongono le patologie e le piú sapide parodie), e Jeanne Duval (l’amante di Baudelaire, associata ad...

De Sanctis

De Sanctis di

Nel 2017 si celebra il bicentenario della nascita di un grande italiano, Francesco De Sanctis (1817-1883), vero fondatore della critica italiana, grazie alla sua produzione saggistica e alla fondamentale Storia della letteratura italiana (1870-’71). In queste pagine viene ripercorsa la parabola umana e culturale di De Sanctis, che nelle lezioni delle sue varie scuole e nei molteplici saggi ...