Testamento politico di Mussolini

E' l'ultima notte di vita del Duce, la guerra è ormai persa e da prigioniero scrive le sue ultime parole, il suo testamento politico. Dalla stanza della tenuta dei De Maria dove è rinchiuso rivolge a se stesso e al popolo italiano le ultime lettere e un punto definitivo alla sua vita ed al Fascismo in Italia.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Benito Mussolini

B. Mussolini. Diario di guerra (RLI CLASSICI)

B. Mussolini. Diario di guerra (RLI CLASSICI) di

Scarica un estratto GRATIS e inizia a leggere subito! Questo ebook ha: INDICE LINKATO. (Dalla prefazione del libro) Quando l’Italia entrò in guerra nel 1915, rinunciando alla sua neutralità e rompendo gli accordi della Triplice Alleanza, inviò mezzo milione di soldati sul fronte nord orientale per respingere gli Austro-Ungarici. Benito Mussolini aveva allora trentadue anni. Giornalista e...

Il mio diario di guerra: Edizione integrale: dicembre 1915 - febbraio 1917

Il mio diario di guerra: Edizione integrale: dicembre 1915 - febbraio 1917 di

Il 24 maggio del 1915 l’Italia dichiarava guerra all’Impero austro-ungarico. L’interventista e socialista Benito Mussolini aveva fortemente voluto la guerra, perché dal conflitto si aspettava la rivoluzione dei rossi: “Quando a Berlino sventolerà la bandiera rossa, noi proletari italiani ci pentiremo di non aver partecipato a questa rivoluzione”, scrisse il futuro duce sul «Popolo...

La mia vita - (Con il Diario di guerra)

La mia vita - (Con il Diario di guerra) di

Il padre di Benito Mussolini, di mezzi ne possedeva pochi. E per peggiorare la situazione trascurava i suoi interessi chiudendo spesso la sua bottega di fabbro per andare qua e là per la Romagna a diffondere il verbo dell'Internazionale socialista di cui era ardente assertore. Eppure suo figlio Benito, segnato da quello che André Suares nel suo "Peguy" definisce "la più antica nobiltà del...

La mia vita - (Con il Diario di guerra)

La mia vita - (Con il Diario di guerra) di

Il padre di Benito Mussolini, di mezzi ne possedeva pochi. E per peggiorare la situazione trascurava i suoi interessi chiudendo spesso la sua bottega di fabbro per andare qua e là per la Romagna a diffondere il verbo dell'Internazionale socialista di cui era ardente assertore. Eppure suo figlio Benito, segnato da quello che André Suares nel suo “Peguy” definisce “la più antica nobiltà...

130 Discorsi di Benito Mussolini: Dal 1914 al 1945

130 Discorsi di Benito Mussolini: Dal 1914 al 1945 di

Benito Mussolini, fondatore del fascismo, fu presidente del Consiglio del Regno d'Italia dal 31 ottobre 1922 al 25 luglio 1943. Nel gennaio 1925 assunse de facto poteri dittatoriali e dal dicembre dello stesso anno acquisì il titolo di capo del governo primo ministro segretario di Stato. Dopo la guerra d'Etiopia, aggiunse al titolo di duce quello di "Fondatore dell'Impero" e divenne Primo...

Il mio diario di guerra: (1915-1917) (Biblioteca storica)

Il mio diario di guerra: (1915-1917) (Biblioteca storica) di

"Ore quindici. Raffica di artiglieria austriaca. Crepitio di proiettili. Schianto di rami. Turbine di schegge. Un grosso ramo, stroncato da una granata, si è abbattuto sul mio riparo. Ci sono due feriti nella mia compagnia. Passa un morto del XXXIX battaglione. Un altro morto degli alpini. II bombardamento è finito. È durato un’ora. I bersaglieri escono dai ripari. Si canta" Ha scritto...