Storia della pittura italiana esposta coi monumenti, vol 5

Penni prese a colorire il Battesimo di Costantino; e Giulio cominciò la gran battaglia, dove Costantino disfece Massenzio. Essa è veramente il più grande esemplare delle

forze delPuomo poste in azione dall'ingegno e dall'ira.

Nessuno si attenti a credere di rappresentar cavalli di maggior bellezza, movimenti meglio ordinati, gruppi più variati di quelli, che si veggono in questa battaglia; nò me-

glio esprimere il sentimento della gioja ne' vincitori, e gli

ultimi sforzi del valore, come la disperazione nei vinti. Qui Giulio seppe rendere, da maestro grandissimo, (cosa rara e difficile) non le forme sole, ma l'anima impressa nei corpi da Raffaello. Il gruppo di Massenzio prossimo ad annegarsi, che do intaglialo, ne sia la prova.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Giovanni Rosini

Storia della pittura italiana esposta coi monumenti, vol 2

Storia della pittura italiana esposta coi monumenti, vol 2 di

Ed è grave danno, che di lui non siasi nuli' altro conservato fuori della Tergine, riportata a pag. 153 del T. I; poiché da quella sembra, che inferiore egli non fosse a Duccio medesimo. Anzi dirò di più, che se il paragone dovesse unicamente farsi tra le due Vergini, senza considerare le altre opere di Duccio, non mancherebbe chi desse a Mino la preferenza. Furono essi per verità due...

Storia della pittura italiana esposta coi monumenti,vol 3

Storia della pittura italiana esposta coi monumenti,vol 3 di

Jl Secolo, che, cominciando dal 1420, giunge sino al giorno nefasto della morte di Raffaello, è per la Storia della Pittura Italiana di tutte l'età non solo il più glorioso, ma il più variato e straordinario, che possa mai concepirsi. Viveva nel 1420 ancora Masaccio: viveva l'Angelico, il quale inalzava e coi precetti, e coir esempio ai secondi gradi dell'Arte, Gentile da Fabriano, ed...

Storia della pittura italiana esposta coi monumenti,vol 4

Storia della pittura italiana esposta coi monumenti,vol 4 di

Vjion questi saggi deUa sua gran peraia , giunse Leonardo alla Corte di Lodovico il Moro, con grande aspettazione , in Milano. E se è vero ch'ei ne riconoscesse il merito dalla rotella dipinta (1 ) , che certi negozianti gli venderono; dovrebbe far maraviglia che il primo lavoro datogli ad eseguire , fosse opera di plastica e non di pittura; ma questa cesserà , riflettendo , che da...

Storia della pittura italiana esposta coi monumenti: vol 1

Storia della pittura italiana esposta coi monumenti: vol 1 di

Il Ticpolo fu lodato forse troppo dall' Algarotti, e dal Zannetti anche maggiormente. Finché scrisse, non esservi stalo pittore « che più di lui risvegliasse le sopite felici leg « giadrissime idee di Paolo » pochi da lui disconverranno 5 ma quando aggiunge , che « le forme delle leste non sono € d' inferior grazia e bellezza; e che niente meno belle sono « le pieghe de' panni, e...