Storia della pittura italiana esposta coi monumenti, vol 5

Penni prese a colorire il Battesimo di Costantino; e Giulio cominciò la gran battaglia, dove Costantino disfece Massenzio. Essa è veramente il più grande esemplare delle

forze delPuomo poste in azione dall'ingegno e dall'ira.
Nessuno si attenti a credere di rappresentar cavalli di maggior bellezza, movimenti meglio ordinati, gruppi più variati di quelli, che si veggono in questa battaglia; nò me-
glio esprimere il sentimento della gioja ne' vincitori, e gli
ultimi sforzi del valore, come la disperazione nei vinti. Qui Giulio seppe rendere, da maestro grandissimo, (cosa rara e difficile) non le forme sole, ma l'anima impressa nei corpi da Raffaello. Il gruppo di Massenzio prossimo ad annegarsi, che do intaglialo, ne sia la prova.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Giovanni Rosini

Il conte Ugolino della Gherardesca e i Ghibellini di Pisa; romanzo storico

Il conte Ugolino della Gherardesca e i Ghibellini di Pisa; romanzo storico di

This is a reproduction of a classic text optimised for kindle devices. We have endeavoured to create this version as close to the original artefact as possible. Although occasionally there may be certain imperfections with these old texts, we believe they deserve to be made available for future generations to enjoy.

La monaca di Monza: storia del secolo XVII

La monaca di Monza: storia del secolo XVII di

This is a reproduction of a classic text optimised for kindle devices. We have endeavoured to create this version as close to the original artefact as possible. Although occasionally there may be certain imperfections with these old texts, we believe they deserve to be made available for future generations to enjoy.

Storia della pittura italiana esposta coi monumenti,vol 4

Storia della pittura italiana esposta coi monumenti,vol 4 di

Vjion questi saggi deUa sua gran peraia , giunse Leonardo alla Corte di Lodovico il Moro, con grande aspettazione , in Milano. E se è vero ch'ei ne riconoscesse il merito dalla rotella dipinta (1 ) , che certi negozianti gli venderono; dovrebbe far maraviglia che il primo lavoro datogli ad eseguire , fosse opera di plastica e non di pittura; ma questa cesserà , riflettendo , che da un'espressi...

Storia della pittura italiana esposta coi monumenti, vol 2

Storia della pittura italiana esposta coi monumenti, vol 2 di

Ed è grave danno, che di lui non siasi nuli' altro conservato fuori della Tergine, riportata a pag. 153 del T. I; poiché da quella sembra, che inferiore egli non fosse a Duccio medesimo. Anzi dirò di più, che se il paragone dovesse unicamente farsi tra le due Vergini, senza considerare le altre opere di Duccio, non mancherebbe chi desse a Mino la preferenza. Furono essi per verità due valenti u...

Storia della pittura italiana esposta coi monumenti,vol 3

Storia della pittura italiana esposta coi monumenti,vol 3 di

Jl Secolo, che, cominciando dal 1420, giunge sino al giorno nefasto della morte di Raffaello, è per la Storia della Pittura Italiana di tutte l'età non solo il più glorioso, ma il più variato e straordinario, che possa mai concepirsi. Viveva nel 1420 ancora Masaccio: viveva l'Angelico, il quale inalzava e coi precetti, e coir esempio ai secondi gradi dell'Arte, Gentile da Fabriano, ed il Gozz...

Storia della pittura italiana esposta coi monumenti: vol 1

Storia della pittura italiana esposta coi monumenti: vol 1 di

Il Ticpolo fu lodato forse troppo dall' Algarotti, e dal Zannetti anche maggiormente. Finché scrisse, non esservi stalo pittore « che più di lui risvegliasse le sopite felici leg « giadrissime idee di Paolo » pochi da lui disconverranno 5 ma quando aggiunge , che « le forme delle leste non sono € d' inferior grazia e bellezza; e che niente meno belle sono « le pieghe de' panni, e niente meno...