Strada Santa Teresa delle donne

Compra su Amazon

Strada Santa Teresa delle donne
Autore
Cristina Cardone
Pubblicazione
22 gennaio 2016
Categorie
Il nuovo romanzo di Cristina Cardone (scrittrice piemontese) è ambientato sullo sfondo di una terra del Sud (Bari e la Puglia in questo caso) assolata ed antica ma allo stesso tempo in luoghi ben meno di “provincia” quali Caracas, la Korea del Nord, Los Angeles, la Siria. E’ un libro ricco di suggestioni e di scorci di bellezza, ahimè, spesso sopiti in chi abita in questa città: San Nicola, Santa Scolastica, il profumo di pulito per le strade di Bari Vecchia, le chianche, Largo Albicocca, la Salita di Santa Teresa delle Donne. Suggestioni che solo uno sguardo nuovo, come quello di Cristina appunto, scevro da contaminazioni di chi invece qui è sempre vissuto, può restituire al barese abitudinario nella loro originale poetica e bellezza.





Per restituire un immagine quanto più possibile vera ritroviamo anche fotogrammi di una Bari più facile, un po’ turistica e divulgativa. Una città che si riconosce nella birra Peroni, nella squadra di calcio (la Bari), nel tormentone metti a Cassano, nelle donne delle orecchiette, nel caffè da andare a prendere a Napoli. Ma ci sono anche spunti ben più urgenti, attuali ed interessanti a comporre il cortometraggio contraddittorio di questa città: “..la mentalità abituata a difendersi dai saraceni..”, “..anni di dominazione turca e ancora si portava sottopelle quel senso di diffidenza che ti deve salvare la vita..” ,“..nomi di famiglie che vanno solo sussurrati..”, “..palazzi.. ..in uno scampolo di periferia. ...tagliati fuori dalla città dal canalone..”, “..balconi ombreggiati da tende verdi..”.



Su una scenografia locale ed internazionale, si muove il barese Saverio Scanni, il personaggio principale del libro, a suo peculiare modo un cittadino del mondo: una sorta di sociologico esempio vivente di “live local, act global”, quasi a riscattarci da un perbenismo provinciale e borghese spesso comodamente ripiegato su se stesso. Saverio, vive, a suo modo, una storia d’amore con una romantica, sognatrice e sincera pittrice senese di nome Artemisia; portando in eredità, in quel rapporto duraturo e fugace, i suoi timori e le sue irrisolutezze, esorcizzate solo mettendo a rischio la propria vita in teatri di guerra.



Ferdinando Liberti

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Cristina Cardone

Brichét: Fiammiferi

Brichét: Fiammiferi di

La storia di una famiglia dalle salde radici, in un periodo di forti cambiamenti e tragici eventi a cavallo tra il primo dopoguerra e il secondo conflitto mondiale, vede i suoi protagonisti crescere, diventare adulti e partire seguendo il proprio destino, i propri sogni e talenti e tornare lì dove la fabbrica non c'è più ma una madre e una zia non sono mai andate via, conservando i propri lutti...

da Montmartre a Montparnasse andavamo a piedi

da Montmartre a Montparnasse andavamo a piedi di

Una raccolta di racconti di viaggio. -Ma insomma che cosa ti porti in quella valigia?- mi hanno chiesto più di una volta. La pioggia. No, non scherzo. Sono la signora della pioggia. Piove ovunque vada. Ai Caraibi, in Kenya a New York. E la cosa buffa è che non mi porto mai l'ombrello. La valigia è già troppo piena. Non capisco come si fa, ma mi piacerebbe imparare a partire "zaino in...