ROMA: l'inizio. I sette Re

Compra su Amazon

ROMA: l'inizio. I sette Re
Autore
Antero Reginelli
Pubblicazione
27 gennaio 2016
Categorie
I sette Re: i primi 250 anni della millenaria storia di Roma “Caput Mundi”. Il lavoro, in una versione adatta ai giovani e no, colti o ignoranti, agli amanti della storia ma anche a chi non la sopporta o la detesta, è una reinterpretazione, un remake dicono ai giorni nostri, del primo libro e dei primi capitoli del secondo di “Ab Urbe Condita” (Storia di Roma dalla sua fondazione), autore Tito Livio. Tra storia e leggenda, il racconto inizia con la fine della guerra di Troia, con Enea che sbarca nel Lazio, prosegue con la lupa capitolina e, poi, Romolo che fonda Roma, il ratto delle Sabine, le guerre contro i popoli vicini, Alba Longa, gli Orazi e i Curiazi e, via via, le vicende dei mitici Re, fino alla cacciata di Tarquinio il Superbo, poi eroi come Orazio Coclite e Muzio Scevola ed eroine come Lucrezia e Clelia: personaggi e avvenimenti che sono immagazzinati da tempo nella nostra memoria.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Antero Reginelli

o tempora, o mores! La congiura di Catilina riciclata

o tempora, o mores! La congiura di Catilina riciclata di

La cospirazione architettata da Catilina segna uno dei momenti più tormentati della storia di Roma, oltre che tra i più rilevanti, tanto che ne parlano, o meglio, ne scrivono Cicerone in quattro Catilinarie, Svetonio, Plutarco, Dione Cassio e, soprattutto, Sallustio. L’opera di quest’ultimo è, senza dubbio, la più completa: nella raffigurazione complessiva del tentato golpe del 63 a.C., pone in...

400 Ultimo secolo dell'Impero

400 Ultimo secolo dell'Impero di

All'inizio del 400 si accentua il declino dell’Impero Romano d’Occidente. Imperatori ed Autorità, laici o del clero, tutti uomini inetti, imbellettati, decadenti, e perfino la gente comune, che abbandona le dispute politiche per dedicarsi esclusivamente a quelle sportive e religiose, sembrano non aspirare ad altro che a precipitare nel baratro che, piano piano, si sta aprendo sotto i loro piedi...