Sabbie mobili: L'arte di sopravvivere (Gli specchi)

Nel periodo più difficile dopo la diagnosi della malattia, Henning Mankell trova la forza di reagire. Partendo dalla propria esperienza, il padre del commissario Wallander riflette sulle importanti questioni politiche del futuro e spiega quanto la letteratura, l’arte e la musica siano importanti nei momenti di crisi. Le sabbie mobili sono solo una leggenda, in realtà non esistono. Che la vita, nonostante le catastrofi globali e private, meriti di essere vissuta è un fatto, si tratta solo di trovare la giusta strategia, «l’arte di sopravvivere». Da un grande scrittore e intellettuale del nostro tempo, un libro profondo e toccante che raccoglie riflessioni e ricordi, speranze e paure per il mondo in cui viviamo.

Sabbie mobili è dedicato ai suoi lettori di sempre e a chi non ha mai conosciuto Wallander o i suoi incantevoli personaggi del ciclo africano.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Henning Mankell

Le ragazze invisibili

Le ragazze invisibili 1 di

Henning Mankell sosteneva che il centro dell’Europa fosse Lampedusa. Quando nel 2001 scrisse Le ragazze invisibili, aveva già intuito con chiarezza le dimensioni del dramma che, sempre più imponente, negli anni avrebbe consumato le nostre coste e sconvolto gli equilibri dell’intero continente. Leyla, Tanja e Tea-Bag, le protagoniste di questo romanzo di sorprendente attualità, sono tre ragazze ...

Scarpe italiane (Tascabili Maxi)

Scarpe italiane (Tascabili Maxi) 1 di

Fredrik Welin si ritira in una piccola isola al largo della costa orientale della Svezia. C'è un mistero nella sua vita, «una catastrofe» che l'ha spinto a cercare la solitudine e a creare una barriera tra sé e il mondo. Ma un mattino, quasi un miraggio, lo raggiunge una donna amata in gioventù che lui abbandonò senza spiegazioni. È Harriet: ora è malata e vuole che Fredrik mantenga un'antica p...

Piramide: Le inchieste del giovane commissario Wallander: 9

Piramide: Le inchieste del giovane commissario Wallander: 9 1 di

I primi casi di Kurt Wallander prima di diventare il commissario capo della polizia di Ystad. Cinque racconti per un Wallander inedito, agente alle prime armi, che s'impadronisce del mestiere e fa subito capire che sarà un ottimo poliziotto. «Questi racconti rappresentano per me un punto esclamativo dopo il punto fermo posto alla fine di Muro di fuoco. Talvolta tornare indietro è utile. In altr...

L'uomo che sorrideva: La quarta inchiesta del commissario Wallander: 4

L'uomo che sorrideva: La quarta inchiesta del commissario Wallander: 4 1 di

La quarta inchiesta del commissario Wallander.Nel sud della Scania coperta dalla fitta nebbia di ottobre, l’avvocato Gustaf Torstensson viene trovato morto all'interno della sua auto. Per la polizia di Ystad si tratta di un incidente.Intanto, Kurt Wallander è deciso a porre termine alla sua carriera di poliziotto, ma quando viene a sapere che qualcuno ha sparato al suo amico Sten Torstensson, i...

Il cinese: L'indagine del giudice Birgitta Roslin (Tascabili Maxi)

Il cinese: L'indagine del giudice Birgitta Roslin (Tascabili Maxi) 1 di

In una fredda giornata di gennaio, un lupo affamato arriva a Hesjövallen, nel nord ella Svezia. Sente l’odore del sangue. Nel villaggio ci sono i corpi di diciannove persone: di fronte a una strage così feroce e assurda, la polizia pensa al gesto di uno squilibrato.Può davvero la follia essere così ben pianificata? Il giudice Birgitta Roslin non lo crede e, in nome del legame che la unisce ad a...

L'occhio del leopardo (Romanzi e racconti)

L'occhio del leopardo (Romanzi e racconti) 1 di

Cresciuto in Svezia, figlio di una donna che non ha mai conosciuto e di un guardaboschi che cerca disperatamente di scorgere all'orizzonte quel mare che ha dovuto lasciare da bambino, Hans Olofson è arrivato per caso nello Zambia. Profondamente colpito dall'immensa bellezza dell'Africa, pensa di potersi fermare per sempre. Ma un giorno, qualcuno uccide i suoi vicini, bianchi come lui. E Olofson...