Una seducente sospensione del buon senso: Viaggio alla scoperta di ciò che devi lasciare

Cosa unisce un cinquantenne in crisi e un vecchio mago? Cosa lega il destino di due donne nate a migliaia di chilometri di distanza? E perché è necessario partire per fare chiarezza?

Gilberto, un uomo come tanti, con un presente incerto – un lavoro che ha smesso di piacergli, figli grandi, una moglie nel frattempo divenuta ex – e un futuro che si stringe in un nodo scorsoio decide di «sottrarsi all'obbligo di avere un destino» e parte per un viaggio tanto lungo quanto lento.

A fargli compagnia le domande che si pone in modo assillante e un compito che si è dato per mettersi in movimento: consegnare un pacchetto, ritrovato per caso, alla persona cui era stato spedito anni prima.

La sfida più grande in ogni viaggio è scoprire e accettare se stessi, ma Gilberto è fortunato: a far da controcanto alle sue cervellotiche riflessioni c'è la praticità e la simpatia di un compagno d'avventure eccezionale e inaspettato. Una presenza capitata per caso nella vita di Gilberto e diventata il polo intorno a cui ruotano le sue giornate.

A piedi e su una chiatta, a cavallo e in bici, sul cassone di un furgoncino malmesso, lungo gli antichi sentieri dei viandanti, i due amici incontreranno uomini e donne ospitali, generosità inattese e delusioni sferzanti e, tra peripezie e colpi di scena, scopriranno passo dopo passo il senso della loro avventura. Fino a quando, a sparigliare le carte, Gilberto incontrerà l'amore.

Giovanni e Franz raccontano un viaggio e un punto d'arrivo che, come sempre accade, è solo e sempre un nuovo inizio.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Una seducente sospensione del buon sensoRecensioniLibri.org

Gilberto, per gli amici Gil, è un uomo che ha da poco passato i cinquanta, divorziato e con due figli ormai adulti in giro per il mondo, conduce una vita monotona facendo la spola tra l’ufficio in cui lavora a tempo pieno e i vari bar della sua città dove passa molte delle sue sere tra drink e malinconia. Trova sollievo e rifugio dalla quotidianità soltanto nei weekend quando ha il tempo di farsi una bella corsa tra gli alberi e... Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.