Tempo di seconda mano. La vita in Russia dopo il crollo del comunismo

Compra su Amazon

Tempo di seconda mano. La vita in Russia dopo il crollo del comunismo
Autore
Svetlana Aleksievic
Editore
Bompiani
Pubblicazione
17/09/2014
Valutazione
1
Categorie
"Per me non è tanto importante che tu scriva quello che ti ho raccontato, ma che andando via ti volti a guardare la mia casetta, e non una ma due volte". Così si è rivolta a Svetlana Aleksievic, congedandosi da lei sulla soglia della sua chata, una contadina bielorussa. La speranza di avere affidato il racconto della sua vita a qualcuno capace di vero ascolto non poteva essere meglio riposta. Far raccontare a donne e uomini, protagonisti e vittime e carnefici, un dramma corale, quello delle "piccole persone" coinvolte dalla Grande Utopia comunista, che ha squassato la storia dell'URSS-Russia per settant'anni e fino a oggi, è il cuore del lavoro letterario di Svetlana Aleksievic. Questo nuovo libro, sullo sfondo del grande dramma collettivo del crollo dell'Unione Sovietica e della tormentosa e problematica nascita di una "nuova Russia", costituisce il coronamento ideale di un lavoro di trent'anni: qui sono decine i protagonisti-narratori che raccontano cos'è stata l'epocale svolta tuttora in atto: contadini, operai, studenti, intellettuali, dalla semplice militante al generale, all'alto funzionario del Cremlino, al volonteroso carnefice di ieri forse ormai consapevole dei troppi orrori del regime che serviva. Nonché misconosciuti eroi sovietici del tempo di pace e del tempo di guerra, i quali non sanno rassegnarsi al tramonto degli ideali e alle mediocri servitù di un'esistenza che, rispettando solo successo e denaro, esclude i deboli e gli ultimi.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Il Consigliere Letterario

Sulla parete è appeso un ritratto di Stalin…Il Consigliere Letterario

Dalle oltre 700 pagine del libro emerge il dolente coro di un’umanità dispersa, derubata di senso; da coloro che hanno vissuto gran parte della propria vita sotto il socialismo sopportandone le terrificanti violenze e nello stesso tempo amandone senza riserve la grandezza dello scopo (la creazione di un uomo finalmente degno di dirsi tale), e che la ‘rivoluzione capitalista’ dei primi anni Novanta ha colto completamente impreparati, trasformandoli in reietti, a chi, giovane negli “anni nuovi”, guarda al passato con indifferenza quando non con scherno, giudicando qualsiasi sacrificio non finalizzato al successo personale null’altro che una sciocca perdita di tempo. Continua…

Registrati o Accedi per commentare.

Altri libri di Svetlana Aleksievic

Preghiera per Černobyl'

Preghiera per Černobyl' 1 di Svetlana Aleksievic Edizioni e/o

«Questo libro non parla di Černobyl’ in quanto tale, ma del suo mondo. Proprio di ciò che conosciamo meno. O quasi per niente. A interessarmi non era l’avvenimento in sé, vale a dire cosa era successo e per colpa di chi, bensì le impressioni, i sentimenti delle persone che hanno toccato con mano l’ignoto. Il mistero. Černobyl’ è un mistero che dobbiamo ancora risolvere... Questa è la ...

Gli ultimi testimoni

Gli ultimi testimoni 1 di Svetlana Aleksievič Bompiani

Nell’estate del 1941 le truppe tedesche invadono la Bielorussia e occupano la capitale, Minsk. Gli eroi di questo libro sono bambini e ragazzi bielorussi e russi che hanno vissuto la terribile quotidianità di quegli anni di guerra e sono cresciuti nell’orrore del più disumano dei conflitti. Pubblicato per la prima volta nel 1985 e censurato dal regime sovietico, Gli ultimi testimoni compare ...

Ragazzi di zinco (Dal mondo)

Ragazzi di zinco (Dal mondo) 1 di Svetlana Aleksievic Edizioni e/o

Dopo averci fatto ascoltare in Preghiera per Černobyl’ le voci delle vittime del disastro nucleare, Svetlana Aleksievič fa parlare qui i protagonisti di un’altra grande tragedia della storia sovietica: la guerra in Afghanistan tra il 1979 e il 1989. Un milione di ragazzi e ragazze partiti per sostenere la “grande causa internazionalista e patriottica”; almeno quattordicimila di loro rimpatriati...