Riflessioni sulla pena di morte

Compra su Amazon

Riflessioni sulla pena di morte
Autore
Albert Camus
Editore
SE
Pubblicazione
18 dicembre 2014
Categorie

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

“Riflessioni sulla pena di morte”- Albert CamusRecensioniLibri.org

“Réflexions sur la guillotine” viene pubblicato in Francia nel 1957 due anni dopo il libro dell’inglese Arthur Koestler ” Reflections on hanging“. L’opera fu tradotta in francese e Camus ne scrisse il saggio introduttivo. L’edizione in italiano del solo saggio di Camus è del 1958, curata da Longanesi. Camus (1913-1960) filosofo esistenzialista, scrittore e saggista, vinse il Nobel per la... Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.

Altri libri di Albert Camus

Tutto il teatro

Tutto il teatro di

Nella vasta attività teatrale di Albert Camus, solo quattro sono le opere originali dello scrittore e vennero tutte messe in scena per la prima volta a Parigi negli anni che vanno dal 1944 al 1949. La scrittura drammatica di Camus si configura come ricerca continua e si alimenta dei modelli più diversi: la tragedia classica per Il malinteso, l’assurdo per Caligola, la pura sperimentazione per L...

La morte felice

La morte felice di

“Nella crisalide della Morte felice si formava la larva dello Straniero.” Così Jean Sarocchi riassume efficacemente il problema della genesi di questo primissimo romanzo di Camus, scritto tra il 1936 e il 1938, incompiuto e uscito postumo. Patrice Mersault, il giovane protagonista, è un povero impiegato di un ufficio del porto di Algeri. Conduce una vita normale, in solitudine e senza amore, an...

Lo straniero

Lo straniero di

Pubblicato nel 1942, Lo straniero è un classico della letteratura contemporanea, un romanzo tradotto in quaranta lingue da cui Luchino Visconti ha tratto nel 1967 l’omonimo film con Marcello Mastroianni. Introduzione di Roberto Saviano. Il protagonista è Meursault, un modesto impiegato che vive ad Algeri in uno stato di indifferenza, di estraneità a se stesso e al mondo. Un giorno, dopo un liti...

La peste

La peste di

Orano è colpita da un'epidemia inesorabile e tremenda. Isolata, affamata, incapace di fermare la pestilenza, la città diventa il palcoscenico e il vetrino da laboratorio per le passioni di un'umanità al limite tra disgregazione e solidarietà. La fede religiosa, l'edonismo di chi non crede alle astrazioni né è capace di ''essere felice da solo'', il semplice sentimento del proprio dovere sono i ...