La donna che visse per un sogno

Parigi, 1793: Robespierre controlla con il Terrore un paese pressato dalla guerra e sconvolto dalla ribellione in Vandea, ma c'è chi non si lascia intimidire dalla ghigliottina e si batte con coraggio, fino alla morte, per realizzare il sogno di una società di liberi e uguali. Tra costoro spicca Olympe de Gouges, la celebre autrice della Dichiarazione dei diritti della donna e della cittadina, da sempre in prima fila per la difesa degli ideali repubblicani. Questo è l'intenso romanzo della sua vita, in particolare degli ultimi, tragici mesi, e a raccontarcelo è la stessa Olympe. Ma il suo racconto s'intreccia con le voci delle donne che attraversano con lei la rivoluzione, in una Parigi tumultuosa ed esausta: la giovane giacobina che la denuncia, l'anziana domestica, l'artista che la ritrae, le dame e le popolane con cui divide la cella in carcere, le comari che assistono al suo processo, la fragile nuora... Un maestoso coro femminile che narra la bellezza e insieme l'orrore di un tempo che spalanca le porte alla modernità.
Ma su tutto e tutti emerge con vigore la straordinaria figura della protagonista. Tenera e intransigente, spavalda e schiva. "Io sono solo una donna..." scrive quando è ormai prossima alla fine. "Una donna che ha voluto essere qualcuno."

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Maria Rosa Cutrufelli

L'isola delle madri

L'isola delle madri di Maria Rosa Cutrufelli MONDADORI

In un mondo sconvolto dal mutamento climatico e definitivamente avvelenato dagli uomini, in un futuro non troppo lontano, un morbo si è diffuso fino a diventare una vera pandemia: la chiamano "malattia del vuoto" ed è l'incapacità di riprodursi, la sterilità. Per avere un domani, l'umanità è costretta a ricorrere in forme sempre più pesanti alle biotecnologie. La società si divide in due ...