Francesco di Paola

Asceta e taumaturgo, ma anche ambizioso e determinato a raggiungere il suo obiettivo apostolico, Francesco (1416-1507) si divise tra ferrea disciplina e frequentazione delle più importanti corti europee. Da qui una certa dicotomia riscontrabile nella sua condotta, sempre comunque caratterizzata a livello personale dal rigore e dalla vita quaresimale, praticata in una cella. Nei confronti del potere politico e religioso, però, Francesco manifestò un ossequioso rispetto. Era infatti sua intenzione ricevere da queste istituzioni l’appoggio necessario a ottenere il riconoscimento dell’Ordine dei Minimi, per poterlo poi diffondere in diversi Paesi d’Europa e in particolare in Francia, i cui sovrani in cambio della sua protezione spirituale ne assecondarono i disegni apostolici, richiedendone poi la canonizzazione alla Santa Sede.
L’autore si focalizza dunque su questi due elementi: estremo ascetismo (di cui l’astinenza da carne, uova e latticini era l’aspetto peculiare), da un lato, e attività pastorale con il supporto dei potenti, dall’altro, per tratteggiare la controversa figura del santo e il filo conduttore della sua intera vita.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Giuseppe Caridi

Alfonso il Magnanimo

Alfonso il Magnanimo di Giuseppe Caridi Salerno Editrice

Succeduto nel 1416, all’età di 20 anni, al padre Ferdinando I al vertice della Corona d’Aragona, Alfonso V nel 1420 si recò a Napoli su richiesta della regina Giovanna II, che lo adottò e gli assicurò la successione al suo regno. Dopo tre anni, tuttavia, la volubile sovrana revocò l’adozione e il re d’Aragona ritornò in Spagna per risolvere i contrasti che nel frattempo erano insorti tra i suoi...

Carlo III

Carlo III di Giuseppe Caridi Salerno Editrice

Il libro segue le vicende biografiche del Sovrano borbonico inserite nella realtà politica, socio-economica ed ecclesiastica del Mezzogiorno d’Italia e della Spagna del secolo XVIII. Carlo acquisì la necessaria esperienza di governo durante la venticinquennale permanenza sul trono di Napoli. Nella penisola iberica il Sovrano - mantenendo sempre stretti rapporti con il toscano Bernardo Tanucci, ...