25 marzo 1911: Per non dimenticare

Questo racconto è vero a metà. I personaggi sono fittizi, la morte di 146 operai è reale.

L’incendio che scoppiò alla Triangle Shirtwaist Company alle 16.40 del 25 marzo 1911, a New York, era prevedibile.

La fabbrica di camicette, di proprietà di Max Blanck e Isaac Harris, occupava gli ultimi tre piani dell’Asch Building, fra la Green Street e Washington Place.

Erano circa cinquecento gli operai che vi lavoravano. La maggior parte di essi erano emigranti: italiani, europei dell’Est, ebrei.

L’età variava dai dodici anni a salire.

Il salario era una miseria: sei, sette dollari a settimana, per turni anche di quattordici ore al giorno.

Le condizioni igienico-sanitarie inesistenti.

La sicurezza era una parola sconosciuta.

In un ambiente in cui c’erano reagenti chimici, pezze di tessuto sintetico e carta usata per disegnare i modelli, la prima cosa logica sarebbe stata un’areazione dei locali, divieto di fumo, massima igiene ed estintori.

Questo, col senno di poi.

A quei tempi, però, indigenza e ignoranza costringevano la gente ad accettare lavori degradanti e sottopagati, senza badare troppo alla propria incolumità.

Sfruttati, mal pagati e vessati persino dai sorveglianti, gli emigranti erano alla stregua della “carne da cannone”.

Non importava che gli incidenti si susseguissero né contava che degli operai morissero. Accadeva e accade ancora oggi.

Ma l’incendio che devastò l’ottavo piano di quell’edificio cambiò l’opinione pubblica.

L’America assistette terrorizzata alla morte di 146 persone, fra uomini, donne e ragazzine.

Erano emigranti, ma erano tanti, troppi per chiudere gli occhi e fingere di non sapere.

Si aprirono tavoli di discussione. Bisognava porre le basi per un contratto collettivo del lavoro che fosse meno massacrante.

Erano dovute morire 146 persone affinché l’America prendesse coscienza dei diritti dei lavoratori.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di

America oggi: Cinema, media, narrazioni del nuovo secolo (Orizzonti)

America oggi: Cinema, media, narrazioni del nuovo secolo (Orizzonti) di

I diciotto saggi qui raccolti, dedicati all’analisi di film e serie TV, intendono tracciare i contorni di una mappa sintomatica dell’America degli anni Zero e oltre. Un insieme di forme narrative e stilistiche, di autori e generi, di strategie produttive e convergenze mediali in grado di raccontare e mostrare alcuni aspetti dell’identità americana all’alba del nuovo secolo. La global...

Fiabe islandesi

Fiabe islandesi di

Terra di miti e leggende che sembrano riecheggiare ancora nei suoi paesaggi lunari, l'Islanda ha dato voce alla sua creatività anche in un originale patrimonio di fiabe, qui raccolte in un'antologia inedita. Un mondo di castelli stregati, lotte in sella ai draghi e viaggi per mare con le barche di pietra dei troll, popolato da bellissime regine che si rivelano orchesse, elfi dispettosi che è...

Odi. Quindici declinazioni di un sentimento

Odi. Quindici declinazioni di un sentimento di

Quanti modi ci sono di odiare? Con quanti nomi si chiama l'odio, quanto ci serve, quanto se ne vede e quanto se ne subisce? È ormai chiaro che il sentimento che più di tutti si affaccia nel nostro tempo è proprio questo, l'odio: negli sfoghi sui social, nei muri che si alzano o si vogliono alzare, nel rifiuto dello straniero, nella furia delle tifoserie, nelle difficoltà relazionali che...

Repertorio dei matti della città di Torino

Repertorio dei matti della città di Torino di

"Uno telefonava ai vicini per dire che dalla sua finestra vedeva un quadro storto e per favore di drizzarlo, se no non riusciva a dormire."

Narnia. La teologia fuori dall'armadio

Narnia. La teologia fuori dall'armadio di

Il libro, firmato da esperti dell'universo di Lewis, conduce il lettore a entrare nel cuore delle "Cronache di Narnia" a vantaggio di quanti a scuola, in famiglia o al catechismo vorranno accostare, attraverso il leone Aslan e gli altri personaggi, niente meno che il protagonista del Vangelo: Gesù Cristo. Le "Cronache di Narnia", scritte da C.S. Lewis alla fine degli anni Cinquanta del secolo...