Il cavallo di fuoco

Pubblicato del 2005 presso una casa editrice


In una notte di tempesta, presso l’allevamento di cavalli del Lago d’ombra, nasce un puledro bianco. La sua nascita nel mondo dei mortali fa svanire il potere del fuoco dal Regno d’ombra e minaccia di mandare in rovina anche l’isola di Seoria. Il “vecchio Grint” tenterà di approfittare di questo momento di debolezza per sottomettere tutto il Regno d’ombra. Moghora, sovrana di Seoria e principessa dei maghi, dovrà ora combattere in entrambi i mondi per conservare il suo potere. Gli abitanti della fattoria e di un vigneto confinante si troveranno costretti a prendere parte alla lotta e alla fine decideranno l’esito del conflitto tra Moghora e il vecchio Grint.


Cosa dicono del “Cavallo di fuoco”:


“È un fantasy molto particolare che parla di un cavallo di fuoco, del malvagio Grint, della principessa del Regno d’ombra, di esseri umani e altre creature. Naturalmente il soggetto è come sempre la lotta tra bene e male, ma, rispetto ad altri libri del genere fantasy, viene trattato in un modo meno eroico e bellicoso, bensì più fantastico ed emozionante. La storia non si ispira tanto alla grande epica che caratterizza il “genere Tolkien”, quanto piuttosto ai racconti popolari celtici, in cui in determinate circostanze i portali tra i due mondi, quello umano e quello magico, si aprono e permettono di incontrare gli esseri più diversi rendendo tutto possibile. Il fatto che il fronte dei buoni e quello dei cattivi si evolvano lentamente costituisce il particolare fascino della storia.”


“La storia è molto densa, emozionante e non scivola nei tipici cliché del genere. I confini tra il mondo reale e quello magico sono labili, i personaggi risultano ben definiti e in parte misteriosi. La cosa più bella è però che il lettore viene assorbito dalla storia senza un attimo di respiro. Il vecchio adagio dello scrittore: ‘L’autore deve coinvolgere tutti i sensi del

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Annemarie Nikolaus

Ritorno al parquet. Quick, quick, slow

Ritorno al parquet. Quick, quick, slow di

Per la prima volta dopo sedici anni Friederike osa tornare sul parquet: un grave incidente d’auto l’aveva costretta ad abbandonare il ballo da sala. La danza è invece diventata il suo argomento di ricerca e ha fatto carriera come professoressa di storia.Un collega diventa il suo nuovo compagno di ballo, poiché suo marito George non vuole prendere parte a un semplice gruppo di ballo come un dile...

Crimini dal passato

Crimini dal passato di

Brevi gialli storiciOmicidio e furto - sì certo...Ma una volta le condizioni di vita erano molto diverse da oggi. O no?1072, Cornovaglia: la giovane Caitlin cerca di salvare la propria eredità dai conquistatori normanni.1795, Parigi: il gendarme Michel punisce un fornaio imbroglione con le proprie mani.1754, Svevia: Hildegard, una "girovaga" priva di diritti, provvede alla cena di Natale.1824, ...

Lume di speranza: Calendario dell'Avvento

Lume di speranza: Calendario dell'Avvento di

Romanzo distopico con un tema natalizio.In un lontano futuro, innumerevoli guerre e disastri ambientali hanno devastato la terra. La fame e le malattie hanno riportato gli uomini ai loro istinti primordiali. I pochi sopravvissuti, rassegnati, si torturano attraverso inverni interminabili. Oppure girovagano come creature senza casa e cercano di accelerare la caduta di tutta la vita. Da tre anni...

Reale Repubblica

Reale Repubblica di

Napoli 1647: l’ambiziosa figlia di patrizi Mirella Scandore è fidanzata con un nipote del viceré spagnolo, quando il popolo di Napoli insorge contro la sua dominazione.Napoli elegge il duca di Lorena, Enrico di Guisa, a suo nuovo doge. Mirella impara a stimarlo e si innamora di uno dei suoi ufficiali, Alexandre de Montmorency.Suo fratello Dario invece vede la famiglia minacciata dallo stato di ...

Si muore

Si muore di

Alla fine: la morte. Ma perché?Le circostanze sono misteriose e nessuno è in grado di far luce sul buio. Sempre se qualcuno lo cerca... o vuole sapere.Gialli? Forse...Tre racconti speculativi in cui i lettori sanno più di tutti coloro che sono coinvolti.