Nel cuore della strada... la vita in viaggio

Compra su Amazon

Nel cuore della strada... la vita in viaggio
Autore
Ginestri Massimo
Pubblicazione
21 maggio 2015
Valutazione
(3)
Categorie
On the road può succedere di tutto. Soprattutto quando non si è pienamente in grado di capire dove si sta andando. Con una colonna sonora rock in sottofondo, qualche canna da fumare, e un amico disposto a perdersi quanto te, l'avventura di Jey ha tutte le premesse giuste per divenire rocambolesca. E perfino pericolosa quando sulla propria strada si incontrano tizi non proprio raccomandabili.

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

...bisogno fisico di esternareGinestri Massimo

Nel cuore della strada e’ un racconto che nasce ben lontano da una mera idea di commercializzazione, ma come tutti i racconti di vita, seppure romanzata, nasce anche bisogno fisico di esternare un pezzo di noi che rimane spesso nascosto sul fondo della nostra personalità, una parte che molte volte non basta una vita intera a far riemergere, “Massimo” ci è riuscito. E’ il racconto breve ma intenso del viaggio di JJJ dei suoi compagni e amici, viaggio che definisco onirico, ma in realtà è forse una versione alternativa, speculare della vita di un ragazzo nella immensità della provincia chiamata “gioventù ” …gioventù vera, errante, gioventù che sfugge e che si vorrebbe fermare e prolungare. Questo racconto è la versione pittorica della vita, un olio su tela di una fotografia, quella che magari avete in qualche cassetto, chiuso quando tutto era ancora da fare, quando tutto si poteva …….giorni di pensieri leggeri come il vento sopra strade di fuoco, il fuoco di un età che ognuno dovrebbe conservare dentro se. Leggetelo ci troverete qualcosa di voi. Andrea Traversa Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o accedi per rispondere.

Scrivere sulla stradaGinestri Massimo

C’è una strana poesia dietro la decadenza.... Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o accedi per rispondere.

Recensione: Nel cuore della strada di Massimo Ginestri di roberto BonfantiGinestri Massimo

Il viaggio di Jey, un piccolo trafficante di marijuana, in una America polverosa e onirica. Abbandonato dal suo compare Vik, il protagonista parte alla sua ricerca, affrontando una serie di avventure, costellate da incontri con loschi personaggi, delitti, miraggi e fughe rocambolesche. Le sue peregrinazioni sono scandite da luoghi simbolici, anche nei nomi: Crossroad, Nowhere, Hope, a rappresentare un viaggio più che altro nella propria coscienza, quasi un rituale iniziatico, che, soprattutto nel finale, diventa una riflessione sull’esistenza. Buona la scrittura, Massimo Ginestri usa un registro “visivo”, compone un romanzo che è in pratica un road movie, il lettore attento non farà fatica a trovare gli echi di tanta letteratura e filmografia di genere, si va da certe cose di Neil Gaiman all’iconico On the road, ma non scade mai nell’emulazione, plot e svolgimento sono del tutto originali. Alla fine, comunque, il messaggio è affine a quello di “papà” Kerouac: Quello che conta è il viaggio. Consigliato. Roberto Bonfanti - Chiacchieredistintivorb.blogspot.it - Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o accedi per rispondere.