Il Burlone

Compra su Amazon

Il Burlone
Autore
Maksim Gorkij
Editore
Sem Edizioni
Pubblicazione
21 aprile 2016
Categorie
“Il Burlone” è un racconto-scontro. I personaggi hanno le stesse identiche origini. Uno, dopo aver abbandonato gli studi fa l’operaio compositore, compone con le lettere di piombo gli articoli di un giornale, l’altro fa il giornalista. Uno è invisibile, l’altro è famoso. Uno vuole che venga riconosciuta la sua esistenza, e per farlo mette in piedi burle a volte atroci, l’altro è indifferente. L’ultima beffa del primo è clamorosa, lede ogni principio dell’etica giornalistica. Però non lede la verità. Per un attimo i due mondi vengono a contatto. Sapranno riconoscersi, sapranno rinvigorire le radici comuni? Oppure dopo essersi forse “annusati”, si allontaneranno per sempre lungo la loro orbita?

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Maksim Gorkij

I coniugi Orlof (Gli Imperdibili)

I coniugi Orlof (Gli Imperdibili) di

“Ogni uomo nasce sotto una stella, e quella stella è il suo destino!” dice Grigorij Andreief Orlof alla moglie Matrena per giustificare le sue violenze fisiche e verbali sulla donna. Forse ha ragione perché pur avendo avuto l’occasione di riscattarsi da una vita miserabile vissuta in un buio sottoscala a riparare scarpe, ci rinuncia roso da un tarlo che fa naufragare tutte le sue aspirazioni. «...

L'angoscia (Gli Imperdibili)

L'angoscia (Gli Imperdibili) di

Idee insolite, inquiete, idee che mettono un freno al tran-tran usuale della vita di sempre, che formicolano sempre più numerose in una testa non abituata a loro come quella di Tihòn Pàvlovitsc. Appaiono una dopo l'altra e spariscono, stranamente aumentando di volume e di peso, allo stesso modo di una leggera nuvoletta bianca apparsa nel più limpido cielo d’estate e dileguata poi dai raggi del ...

I decaduti

I decaduti di

Tra i più significativi scrittori russi, Gorkij (in russo la parola che egli scelse come pseudonimo vuol dire "amaro") dopo aver descritto il mondo dei vagabondi, nelle cui vicende si riflette la sua tormentata giovinezza, si volse a temi sociali, la lotta contro la miseria, l'ignoranza e la tirannia, che sono le costanti di tutta l'opera dello scrittore, considerato il padre del realismo socia...