Pinocchio

Compra su Amazon

Pinocchio
Autore
Sandro Dossi
Editore
Cliquot
Pubblicazione
07/05/2016
Categorie
Erano “i giornalini” che leggevamo da piccoli. Albetti di un’ottantina di pagine, la copertina di un pastello pieno con il personaggio in una posa comica. Braccio di Ferro, Geppo il diavolo buono, la forzuta Nonna Abelarda, Soldino e tanti, tanti altri. Leggerli era una festa. Erano i fumetti dell’editore Renato Bianconi. Siamo nei primi anni Settanta quando Bianconi chiama a raccolta i suoi autori di punta: «Ho bisogno di un fumetto nuovo!» dice. Erano da poco scaduti i diritti del Pinocchio di Collodi. Salta fuori l’idea, all’editore piace, e di lì a poco avviene la magia. I suggestivi personaggi del romanzo per bambini più famoso del mondo vengono catapultati nell’eccentrico universo bianconiano: avventure fantasiose in scenari inediti, gag divertenti e strampalate, trame che, nella loro semplicità di lettura, non sono affatto prive di spunti di riflessione per il lettore adulto. Una raccolta delle migliori avventure comparse negli albetti bianconiani di Pinocchio fra il 1974 e il 1976, scritte e disegnate da due protagonisti assoluti del fumetto umoristico italiano. Con un ricco apparato critico a firma di Luca Boschi, Giuseppe Pollicelli e Andrea Leggeri.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Immortale marionettaIl Consigliere Letterario

Le storie invece possiamo pensarle come ipotetiche avventure vissute dal burattino nello spazio mai narrato tra le ultime due pagine del romanzo: Pinocchio infatti non è ancora un bambino vero, ma vive già sereno in casa del suo babbo, va a scuola e si caccia regolarmente nei guai. Sempre guidato dal suo buon cuore, da una grande curiosità e da un desiderio innato di scoprire il mondo. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.

Altri libri di Sandro Dossi

Pinocchio

Pinocchio di

Erano “i giornalini” che volevamo da piccoli. Albetti di un’ottantina, forse cento pagine, si riconoscevano subito: lo sfondo di un colore pieno, un pastello giallo, o azzurro, o verde. E davanti, il personaggio in una posa bizzarra e una situazione comica. Braccio di Ferro e i comprimari Timoteo, Poldo e Trinchetto, Geppo il diavolo buono, la forzuta Nonna Abelarda, Soldino, Trottolino, Gatto ...