Igiene dell'assassino

Al premio Nobel per la letteratura Prétextat Tach restano solo due mesi di vita. La stampa di tutto il mondo gli implora un'ultima intervista ma lo scrittore, feroce misantropo, si è chiuso da anni in un silenzio segreto. Solo cinque giornalisti riusciranno a incontrarlo. Dei primi quattro, il geniale romanziere si prenderà sadicamente gioco e con una dialettica in cui si mescolano logica e malafede riuscirà ad annientarli sia sul piano personale sia su quello professionale. Il quinto invece, una donna, riuscirà a tenergli testa e avere la meglio su di lui: l'intervista diventerà interrogatorio e poi duello senza respiro. Ne verrà fuori, poco a poco, un ritratto di Prétextat Tach del tutto inedito.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

L’era della malafedeIl Consigliere Letterario

Tambureggiante nel ritmo, stilisticamente vivacissimo, ispirato e intelligente nella sua ironia metaletteraria, Igiene dell’assassino è senza dubbio un lavoro riuscito, un romanzo che seduce, conquista e sa farsi ricordare. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o Accedi per rispondere.