Capelli di stoppia. Mia sorella Maria Goretti

Marietta ci conquista subito. I tratti semplici e vividi con cui Picca ci disegna davanti agli occhi quella famiglia, quella situazione, e anche il fiore nero della tragedia, ci portano in realtà più dentro noi stessi e il nostro presente. Non è il racconto di una Italia esotica, passata, favolistica. È lì, appena si scrosta qualche pailettes, qualche trucco un po' pesante, qualche manifesto o titolo di giornale. È lì con tutta la sua grazia e la sua brutalità. Con tutto il dramma che nei corpi delle ragazzine si manifesta come strano show dell'epoca nostra. Come dramma tra cupidigia, possesso e contemplazione.Marietta non è ieri. È nei nostri occhi, se sappiamo guardare come lo scrittore ha saputo fare. Rimettendoci davanti a qualcosa di noi. Come sempre, infatti, sono due le cose che ci invitano con più forza a guardare la nostra vita con sguardo nuovo: l'arte e la santità.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Aurelio Picca

Via volta della morte (I grandi tascabili)

Via volta della morte (I grandi tascabili) di

A Urbino, sotto il palazzo di Federico da Montefeltro, scorre il sangue per un duplice omicidio. Le vittime frequentano i collegi universitari, la violenza sembra lanciata dal volto del duca dipinto da Piero della Francesca. Piero ritrasse la parte sinistra del viso; l’altra, sfregiata, doveva custodire tutti i segreti.Federico, principe illuminato e guerriero sanguinario, è ancora oggi il padr...