Il bacio di una morta (Fuori dal coro)

Carolina Invernizio scrisse più di cento romanzi e tra questi Il bacio di una morta occupa un posto prevalente. La Invernizio fu protagonista del romanzo "d'appendice" diventandone maestra indiscussa per la sua capacità di avvolgere i lettori negli intrecci, spesso torbidi e morbosi, che venivano narrati e che rappresentavano la prosecuzione narrativa della parte giornalistica di fatti di cronaca e resoconti giudiziari. Il romanzo della Invernizio è capace di soddisfare le attese di un pubblico in cerca di svago e di compensazioni emotive, riuscendo a plasmare personaggi ben riconoscibili nei loro tratti caratterizzanti. L'interesse verso questo romanzo, e la sua autrice, deriva dal grande impatto suggestivo che ha l'immagine della "sepolta viva", che potrebbe essere oggi interpretata come il simbolo dei fantasmi e delle paure che abitano in ognuno di noi. Così come le vicissitudini che compongono l'intreccio del romanzo: misteriose tortuosità dell'inconscio, fino al limite di un sadismo compensativo di una realtà sessuale repressa e negata. Le vicende di Clara e della sua famiglia, la sua vita famigliare così come la sopraggiunta e misteriosa morte, con epilogo clamoroso, vengono composte in una narrazione che non sarà indifferente nemmeno al lettore contemporaneo, ritrovando trame, personaggi e situazioni psicologiche quanto mai attuali ed inquietanti.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Carolina Invernizio

I misteri delle soffitte e altri romanzi

I misteri delle soffitte e altri romanzi di

Scrittrice di romanzi d’appendice ricchi di trame intricate, Carolina Invernizio esplora i sentimenti, i gusti e le aspirazioni di un’epoca e del suo popolo: quello della fine dell’Ottocento italiano. La Invernizio soddisfa e ne asseconda la curiosità per i crimini, i sacrifici e i drammi familiari, utilizzando senza remore la logica degli opposti propria della cultura popolare: il bianco e il ...

Storia di una sartina

Storia di una sartina di

La sartina Giselda è povera ed ingenua e vive, in un rione miserabile di Firenze, con un padre ubriacone e una madre cieca. Però, è bella! Ma sarà proprio la sua bellezza, straordinaria come quella di un fiore spuntato dal fango, a trascinarla, attirando cupidi desideri, in un vortice di drammatiche situazioni che sfoceranno nella più torbida delle tragedie. L’Arno, il maestoso fiume che di sol...

Il bacio di una morta

Il bacio di una morta di

Una provvida resurrezione da catalessi, grazie a un fraterno bacio, riporta alla vita la buona e virtuosa Clara che ricorda tutti gli avvenimenti passati, soprattutto l’incontro col nobile e affascinante Guido e l’inizio di quella che poteva essere una felice e tranquilla vita coniugale. Al contrario, ne deriva un tumultuoso triangolo amoroso tra Firenze e Parigi, in cui Clara dovrà superare ar...

La trovatella di Milano

La trovatella di Milano di

La trovatella di Milano Carolina Invernizio, scrittrice italiana (1851-1916) Questo libro elettronico presenta «La trovatella di Milano», di Carolina Invernizio. Indice interattivo - Presentazione - Dedica - La Maschera Misteriosa - Cuore Di Popolana - Il Segreto Di Un Milionario - Il Genio Del Male - Tradimento - Vittime E Seduttore - Le Conseguenze Di Un'infamia - Rivelazioni - La Vendetta ...

L'avvocato Paolo

L'avvocato Paolo di

L’avvocato Paolo è, fin dall’infanzia, perdutamente innamorato della bella Giorgina. Si troverà però nella complicata situazione di dover far di tutto per evitare la separazione dell’amata da Mario, il superficiale marito infatuato di Gilda, un’irrecuperabile rubacuori che mette in campo ogni arte anche per sedurre l’avvocato. Un girotondo inarrestabile, in tono di commedia, per salvare o sfasc...

I misteri delle soffitte

I misteri delle soffitte di

Era la notte del giovedì grasso. Nessuno si ricordava di un inverno mite come quello, e il carnevale aveva uno sfogo inusitato. I ricchi se la spassavano nei palazzi; il popolo nelle osterie, sotto i portici, alla fiera, ai balli pubblici. I veglioni erano affollati e, come il solito, più di tutti si mostrava animato quello dello Scribe. Fra le maschere che avevano fatto il loro ingresso colà d...