Capuana. Profumo (LeggereGiovane)

Compra su Amazon

Capuana. Profumo (LeggereGiovane)
Autore
Luigi Capuana
Editore
LeggereGiovane
Pubblicazione
10 giugno 2016
Categorie
Il protagonista, Patrizio Moro-Lanza, è un giovane trentottenne dal carattere debole e succube della vecchia madre Geltrude. Nominato agente delle tasse a Marzallo, vi si trasferisce con la moglie Eugenia e la madre in una casa (un vecchio convento) assegnatogli dal comune che si trova fuori paese.

La vita trascorre ora in una discreta agiatezza e tutto potrebbe andare per il meglio se non fosse per la gelosia di Geltrude nei confronti della nuora.
Eugenia ama molto Patrizio e vorrebbe essere ricambiata in ugual misura dal marito, ma Patrizio si sente frenato nelle sue dimostrazioni d'affetto per colpa della madre. Eugenia intanto, a causa del forte stress emotivo, ricade in una forma di malattia nervosa che l'aveva già in precedenza colpita. Patrizio è turbato soprattutto da un sintomo del male della moglie, un profumo di zàgara che emana dal suo corpo. Patrizio, invece di comprendere lo stato emotivo della moglie e starle più vicino, si allontana ancor più da lei pensando che Eugenia abbia bisogno soprattutto di una vita priva di emozioni.
Muore nel frattempo la madre Geltrude ma Patrizio non riesce ancora a sentirsi libero dalla gelosia materna. Tra Patrizio ed Eugenia l'incomprensione è sempre più forte ed Eugenia sta per cedere al giovane Ruggero che le fa una corte insistente.
Patrizio fortunatamente ha modo di parlare con il dottor Mola che, con le sue sagge parole, gli fa comprendere i suoi errori e alla fine Eugenia e Patrizio ritrovano se stessi e si rendono conto del loro reciproco amore.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Luigi Capuana

C'era una volta... fiabe di Luigi Capuana

C'era una volta... fiabe di Luigi Capuana di

C'era una volta... fiabe di Luigi Capuana

Istinti e peccati

Istinti e peccati di

Luigi Capuana fu uno scrittore, critico letterario e giornalista italiano tra i più importanti del Verismo.Tra le opere narrative migliori di Capuana sono da annoverare le novelle ispirate alla vita siciliana, ai personaggi e ai fatti grotteschi e tragici della propria provincia, come nel realismo bozzettistico di alcuni racconti della raccolta "Le paesane" e in altre che non presentano situazi...

Giacinta

Giacinta di

Luigi Capuana fu uno scrittore, critico letterario e giornalista italiano tra i più importanti del Verismo.Giacinta è figlia di Paolo e Teresa Marulli. Cresciuta nell'abbandono più totale da parte della famiglia, nella prima adolescenza viene violentata dal factotum di casa Beppe. In seguito s'innamora di Andrea Gerace, modesto impiegato della Banca provinciale, ma sposa un uomo che non ama, il...

Gli americani di Rabbato

Gli americani di Rabbato di

Il racconto ha per tema centrale l’emigrazione verso gli Stati Uniti, terra promessa dei poveri contadini meridionali tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento. Tutto è analizzato con gli occhi di Menu, il protagonista, che per seguire la sua infantile curiosità ed emulare i fratelli decide di raggiungere New York. Troverà lì ad aspettarlo una crescita personale e un bagaglio di espe...

Un Vampiro

Un Vampiro di

La fascinazione dell’assurdo, dell’angoscioso e del terrificante ha conquistato scrittori di ogni tempo. Così anche il siciliano Capuana, uno dei più ferventi adepti del credo positivista, non ha resistito a raccontare quanto la scienza bandisce, giudica impossibile e orrendo: vampiri, strani casi di sonnambulismo, influenze malefiche, sogni premonitori, forze occulte.

Giacinta

Giacinta di

Nel romanzo si racconta la storia di una donna che, avendo subito una violenza sessuale da bambina, si trova a dover scontare con tutta la sua vita e fino al suicidio la "colpa" che il pregiudizio sociale non le perdona.Capuana, attraverso il punto di vista di un medico, cerca di rappresentare il personaggio "da scienziato" ma, come nota Ghidetti "il dottore, può solo prendere pessimisticamente...