Elogio della vita a rovescio

Elogio della vita a rovescio comprende una raccolta di articoli pubblicati sulla rivista Die Fackel, fondata nel 1899 da Karl Kraus, che la diresse fino alla sua morte. In essi emerge un’aspra critica nei confronti della stampa, del malcostume politico, della stupidità che affligge buona parte dell’umanità, della crisi della democrazia e del caos in cui è miseramente precipitata la vita dello spirito.



Irriverente e sarcastico, Kraus, in particolare nell’articolo che dà il titolo alla raccolta, descrive il lato più misero e grottesco della società viennese dell’epoca, vista attraverso le lenti deformanti del capovolgimento ironico:



“La stupidità si assopisce e io mi reco al lavoro. In lontananza avverto il rumore di una pressa tipografica: è il russare dell’idiozia. Io la colgo di sorpresa e le mie intenzioni poco benevole mi procurano un sottile piacere. Poi, quando a est, sull’orizzonte della cultura, compare il primo giornale del mattino, io vado a dormire. Ecco i vantaggi derivanti dal condurre una vita a rovescio”.



Karl Kraus (1874-1936), scrittore, giornalista, umorista, saggista, commediografo e poeta, è considerato uno dei protagonisti della satira tedesca del XX secolo. Tra le sue opere: Morale e criminalità (1908), Detti e contraddetti (1909), La muraglia cinese (1910), Gli ultimi giorni dell’umanità: Tragedia in cinque atti con preambolo ed epilogo (1922).

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Karl Kraus

Elogio della vita a rovescio (Biblioteca universale)

Elogio della vita a rovescio (Biblioteca universale) di Karl Kraus Edizioni Studio Tesi

Gli scritti compresi in questa raccolta apparvero sulla «Fackel», rivista che Karl Kraus aveva fondato nel 1899. Tra essi spicca il celebre Elogio della vita a rovescio in cui Kraus ci presenta non solo le miserie e gli orrori della società viennese vista attraverso le lenti deformanti del capovolgimento ironico, ma anche un'impietosa e precoce autocritica del ruolo che egli stesso si era ...