Il mensile di Lupo Alberto 373: luglio 2016

Compra su Amazon

Il mensile di Lupo Alberto 373: luglio 2016
Autore
Silver
Editore
MONDADORI
Pubblicazione
10/07/2016
Categorie
È arrivata la stagione della prova costume. Come mai prima, attraverso i social network, siamo bombardati da immagini di volti abbronzati e fisici perfetti. Ormai modificare chirurgicamente il nostro corpo non è più tabù, come non lo è trattare con photoshop le immagini che postiamo su lnstagram. La chirurgia diventa sempre meno invadente; modificare foto è alla portata di tutti.
Rifarsi non è qualcosa da tenere segreto: è uno status symbol, la rincorsa di parametri estetici spesso discutibili, talvolta anche ridicoli. Ma chi vuole sentirsi bello ha il diritto di fare del proprio o delle proprie foto, ciò che ne desidera. La bellezza, in fondo, è una cosa soggettiva e inafferrabile, e non per tutti vuol dire la bocca sensuale di Angelina Jolie o gli addominali scolpiti di Cristiano Ronaldo.
A qualcuno, per fortuna, non interessa rientrare in questi standard di bellezza, e si vede bello com'è. Oppure non si vede bello, ma non gliene importa, e va bene così.
Perché magari, in questo luglio afoso, pensa che la bellezza è un fritto misto di mare con un mojito in spiaggia al tramonto, dopo una nuotata rinfrescante.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Silver

Il mensile di Lupo Alberto 409: luglio 2019

Il mensile di Lupo Alberto 409: luglio 2019 di

I porti chiusi a quei disperati del mare che cercano un approdo e un rifugio dalle persecuzioni e le guerre dei loro paesi. L'intolleranza crescente verso lo straniero, quello che deve essere per forza brutto e cattivo, e così si giustifica la crudeltà della violenza, del giustizialismo fai da te, dell'uso delle armi legittimato dalla scusa dell'autodifesa. L'omofobia, i ragazzini prepotenti ch...

Il mensile di Lupo Alberto 406: aprile 2019

Il mensile di Lupo Alberto 406: aprile 2019 di

Da otto mesi, ogni venerdì si siede nella piazza del Parlamento di Stoccolma chiedendo al governo di agire contro il riscaldamento globale, e migliaia di studenti in mezzo mondo si sono già uniti alla sua protesta. Greta Thunberg, sedicenne svedese che a 11 anni ha scoperto il suo interesse speciale per il clima, diventando vegana, rifiutando viaggi in aereo, e adottando uno stile di vita fruga...

Il mensile di Lupo Alberto 403: gennaio 2019

Il mensile di Lupo Alberto 403: gennaio 2019 di

*********************** Questo eBook è ottimizzato per la fruizione su tablet; se ne sconsiglia pertanto la lettura sui dispositivi eReader. Pure se le speranze e i propositi di un nuovo anno appena all'inizio vogliono essere sempre rosei e positivi, come un rito scaramantico a cui fingiamo di credere, sappiamo che sarà un anno difficile, che saremo chiamati a nuovi sacrifici e rinunce, che dov...

Il mensile di Lupo Alberto 402: novembre 2018

Il mensile di Lupo Alberto 402: novembre 2018 di

*********************** Questo eBook è ottimizzato per la fruizione su tablet; se ne sconsiglia pertanto la lettura sui dispositivi eReader. È quasi Natale. Le vetrine abbaglianti dei negozi seducono con ogni tipo di offerta. Le strade sono addobbate con le luci più scintillanti. Nei centri commerciali c'è la ressa per la ricerca del regalo più originale (e spesso più inutile). Vanno a ruba le ...

Il mensile di Lupo Alberto 400: ottobre 2018

Il mensile di Lupo Alberto 400: ottobre 2018 di

Così, quasi senza accorgercene, siamo arrivati al numero 400. 400 volte in edicola, da quel lontano 1974 in cui il nostro Lupo azzurro comparve in una striscia sul Corriere dei Ragazzi. E subito tutti si innamorarono di lui, questo ironico vitellone alla continua ricerca dell'arte di arrangiarsi, come tanti "umani" allora e ancora oggi, danzato con la gallina Marta ma caparbiamente ostile al m...

Il mensile di Lupo Alberto 399: settembre 2018

Il mensile di Lupo Alberto 399: settembre 2018 di

Inizia un nuovo anno scolastico, e io continuo a sperare che nella scuola, oltre alle materie, si riesca ad insegnare il senso del dovere, del sacrificio, e soprattutto il rispetto degli insegnanti. Per preparare i ragazzi al loro domani, e non intendere la vita come un infinito X Factor o un eterno talent show, in un inutile e distruttivo eccesso di competizione spesso alimentato proprio dai g...