La trilogia di Piazza d'Armi

Comprende tre romanzi già pubblicati separatamente: Cara, porto fuori il cane, La vita è sogno e Ritorno su Solaris, con alcuni piccoli ritocchi e integrazioni per adattarli a essere incorporati in una "trilogia".

Ma che cos'è una trilogia?

Qualche anno fa avrei cercato la definizione sullo Zanichelli o sulla Treccani, ma oggi tutti usano Wilkipedia, e io mi adeguo.

Su Wilkipedia definizione di trilogia è questa:

"Trilogia è un insieme di tre distinte opere di uno stesso autore (di genere narrativo,cinematografico o altro) collegate da una forte connessione tematica o anche stilistica tra di loro, che possano essere considerate sia come singole opere indipendenti sia come un unicum artistico."

Può venire quindi spontaneo il dubbio: che senso ha definire "trilogia" questa mia raccolta di tre brevi romanzi, anzi due romanzi e una raccolta di racconti brevi, apparentemente così diversi e dissimili da loro?

Eppure io la sento tale, proprio come un "unicum", più o meno artistico.

Infondo il Marco della prima parte della trilogia e il Paolo dell'ultima, sono la stessa persona, esternazioni del mio essere. Il lettore attento coglierà l'analogia di gusti musicali dei due personaggi, a partire dall'amore per l'ultimo Beethoven, o l' affinità nell'apprezzare una meraviglia architettonica, dalla chiesetta di Rio alla imponente cupola del Brunelleschi.

Ancora più dissimile dai due romanzi, l'intermezzo, la raccolta di racconti.

Ma anche qui i sogni sono intrecciati della stessa visione, intrisa di un profondo senso del valore dell'essere creature umane piene di difetti, aspirazioni e, appunto, sogni.

Non per nulla anche la prima e ultima parte della trilogia sono anch'essi, in modo diverso, dei fantastici sogni.

Solo successivamente proprio un sogno, per restare in tema, mi ha convito ad aggiungere un epilogo scherzoso, tratto dal mio libro Il Carteggio, col fine di stemperare gli animi commossi (spero!) dalle storie precedenti forse troppo serie e rasserenare l’uditorio prima del congedo finale, con l’ambizione (sicuramente esageratamente ambiziosa) di ottenere un risultato analogo a quello che si proponeva il dramma satiresco nelle tetralogie greche.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Pier Giorgio Graziano

Ritorno su Solaris

Ritorno su Solaris di

E’ una storia originale che prende liberamente lo spunto dal famoso “Solaris” di S. Lem. Sono passati diversi anni dalle avventure raccontate da Lem e il pianeta Solaris è stato abbandonato e quasi dimenticato. Paolo, ingegnere italiano, si intestardisce nel voler provare a tentare un nuovo contatto con l’oceano di Solaris, forse il solo essere alieno conosciuto con cui si può tentare l’impresa...

La vita è sogno

La vita è sogno di

Chiedo scusa all'amato Pedro Calderón de la Barca. Questo è solo un breve libro di corti racconti ispirati a fantasiosi sogni. Non ne sono veramente capace, ma amo ugualmente scrivere. Le mie goffe dita si intrecciano spesso sul mio tablet, cercando di scrivere qualcosa dì credibile. In questi giorni amo particolarmente scrivere a letto, al tramonto di un giorno o al sorgerne di uno nuovo. ...

Cara, porto fuori il cane

Cara, porto fuori il cane di

Marco è una persona normale che sta ritornando a casa a Torino, dopo una usuale giornata di lavoro, ma appena è rientrato a casa la sua vita è sconvolta: La amata moglie Alice ed il cane Gamma sono stati rapiti, da una misteriosa organizzazione. I rapitori hanno lasciato solo un messaggio invitando Marco a seguirli. Ma cosa vorranno da lui, e perché continuano a sfuggirgli, spostandosi in succe...