IRACEMA (I Classici della Letteratura Brasiliana Vol. 5)

Pubblicato nel 1865, «Iracema» è il secondo romanzo della cosiddetta «trilogia indianista» di José Martiniano De Alencar (del quale nell’eBook vi è una ampia biografia), gli altri furono «O guarani», 1857, e «Ubirajara», 1874 : un’opera famosissima in Brasile, dove ha ispirato due celebri dipinti e alcuni monumenti, un’opera lirica, film, tele- e radionovelas e fumetti, mentre il nome della protagonista - che è l’anagramma di America - è oggi piuttosto diffuso nella popolazione brasiliana (si ricordi, da noi, l’attrice dei «telefoni bianchi» Irasema Dilian, nata a Rio de Janeiro).

Ambientato nel vasto territorio dell’allora Capitania del Ceará circa nel 1612, all’epoca dell’espansione delle colonie portoghesi in Brasile, esso narra in 33 brevi capitoli l’infelice storia d’amore tra il «guerriero bianco» Martim Soares Moreno (personaggio realmente esistito, al quale si deve tra l’altro l’erezione del primo forte sul luogo dove sarebbe sorta la città di Fortaleza) e la principessa indigena Iracema, la «vergine dalle labbra di miele», figlia di Araquém, il pajé (sacerdote, stregone) della tribù tabajara; Moacir, il figlio nato dalla loro unione, è idealmente il primo dei tanti meticci che oggi popolano il Nordeste. Nella vicenda sono presenti anche altri personaggi storici, come i capi degl’indios pitiguaras Jacaúna e Camarão e quello dei tabajaras Irapuã.
Il testo - definito giustamente da qualcuno una sorta di «poema in prosa» - è introdotto e postillato da due lettere dell’autore, e corredato da una sua appendice con diverse note circa i termini della lingua tupi, i luoghi, i personaggi e certe situazioni della vicenda.

VIRGILIO ZANOLLA (1953), genovese, saggista, traduttore dal portoghese e dallo spagnolo, giornalista e fotografo, è autore di due libri di poesia, una monografia d’arte («Pellegro Piola ’ars longa vita brevis’»; Genova, Nuova Editrice Genovese, 1993), una biografia storica («Pizarro, il predatore dell’impero Inca»; Firenze, Giunti, 2003), del saggio e antologia poetica «Mario Rapisardi dall’ombra alla luce» (Pavia, Medusa, 2011) e di sei guide turistiche. Al Brasile ha dedicato articoli, servizi e svariate traduzioni, nonché il volume «La brasiliana svelata. Storia mai raccontata della più grande narrativa del Sud America (1870-1922)»; Roma, Robin, 2007.

TITOLI GIÀ PUBBLICATI:

1 - DONNA GUIDINHA DEL POZZO di Manuel de Oliveira Paiva

2 - LA NORMALISTA di Adolfo Caminha

3 - IL CORTIÇO di Aluísio de Azevedo

4 - BOM-CRIOULO di Adolfo Caminha

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo