Carne mia

Calò e Kevin crescono come fratelli, convinti di essere fratelli. Ma un fattore imprevedibile porta una terribile verità ad affiorare: Calò scopre che il suo amatissimo padre non è suo padre. Anzi: è l’assassino dei suoi genitori. Cosa succede a questo punto nel suo cervello? Può rifiutare la verità, certo. Ma la verità viene a strofinarsi fin sotto il naso di Calò, che alla fine deve arrendersi all’evidenza. Un storia dura ambientata negli anni Novanta al Borgo Vecchio, il quartiere popolare di Palermo incastonato ai margini della zona più prestigiosa della città.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Roberto Alajmo

Vivere con i classici

Vivere con i classici di

Una riflessione su come cambia il ruolo dei classici nella vita quotidiana.Leopardi sosteneva che «i geni più sublimi liberi e irregolari quando hanno acquistato fama stabile diventano classici». E oggi quando possiamo definire un testo, un’opera, un classico? Da questo interrogativo muovono sei autori per il loro racconto. Una speciale antologia che riunisce narrazioni che affrontano l’argomen...

Cinquanta in blu: Storie

Cinquanta in blu: Storie di

Nove autori si sono ispirati al catalogo della casa editrice per scrivere nove straordinari racconti: una antologia per festeggiare i 50 anni di Sellerio.

Repertorio dei pazzi della città di Palermo

Repertorio dei pazzi della città di Palermo di

Collezione di storie, gioco inesauribile, saggio antropologico, guida della città; si potrebbe dire che Alajmo abbia inventato un vero e proprio genere letterario. Un catalogo di matti, geni, folli e mitomani; divertenti e a volte amari, sempre geniali e illuminanti sulla variegata umanità che abita la nostra città. Pubblicato per la prima volta nel 1993 era allora un volumetto di sole 18 pagin...