Progetto Umanità 7.0: Un mondo nuovo che mette al centro le scelte di ognuno

Cristallo, 2035. Alex ha diciannove anni e conduce una vita normale. Non ha ancora stabilito cosa fare del suo futuro e, nel frattempo, si divide tra lavoretti saltuari, la ragazza Marina, le serate con gli amici e la passione per la chitarra.

Un giorno, per caso, durante una conversazione con l’amica Jasmine, Alex sente risvegliarsi una curiosità latente. Scopre di avere il bisogno di conoscere meglio le relazioni e i meccanismi adottati su Cristallo, che sono il frutto di un cambiamento rispetto al sistema precedente, rimasto invece sulla Terra.

Inizia così una ricerca, a tratti irrefrenabile, per soddisfare al più presto la sua improvvisa sete di conoscenza, trascinandoci con sé in tale “viaggio”.

Jasmine, grazie alla sua passione e preparazione su questi temi, lo guiderà abilmente attraverso i princìpi olistici che regolano il loro vivere quotidiano. Anche suo padre Dario si rivelerà prezioso per fargli apprendere le lontane radici del “Progetto Umanità 7.0” da cui tutto ha avuto origine.

Sarà un percorso avvincente e, come in tutte le conquiste personali, non mancheranno imprevisti, nodi da sciogliere e importanti decisioni da prendere.



Il mondo futuro rappresentato, non è un’utopia fantascientifica, ma descrive come l’uomo potrebbe evolvere e vivere finalmente in una realtà più equilibrata di quella attuale.

Le innovazioni concrete, descritte nei particolari, assicurano infatti che le disfunzioni tuttora considerate un male “incurabile” (la disoccupazione, le crisi economiche, lo spreco di risorse, ecc.) diventino incompatibili, e perciò destinate a dissolversi gradualmente. Inoltre, tutto è progettato per valorizzare le capacità, i gusti e le preferenze individuali, e permettere a ognuno di trovare la propria specifica realizzazione.

Il confronto Terra/Cristallo, filo conduttore di tutta la storia, renderà semplice l’apprendimento delle nuove modalità organizzative, e arricchirà la consapevolezza dei circoli viziosi in cui siamo immersi oggi.

Sarà naturale immedesimarsi nell’esperienza di Alex, facendoci prefigurare e quasi “palpare con mano” il possibile cambiamento, e in ciò consiste la forza prorompente di questo romanzo.

Il messaggio è forte e chiaro: il sistema in cui viviamo adesso non è immutabile, ma è il frutto di scelte del genere umano e, come tale, nuove e consapevoli scelte lo possono far progredire.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo